SALUTE

Aumentano in Abruzzo le malattie renali: 259 i trapiantati nel 2010

Sono 1.055 i dializzati. Giovedì a Chieti controlli gratuiti in piazza Vico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2116

Aumentano in Abruzzo le malattie renali: 259 i trapiantati nel 2010
CHIETI. Le malattie renali sono in costante aumento in Abruzzo e con esse è in crescita il numero di dializzati e trapiantati, saliti rispettivamente a 1.055 e 259 nel 2010.

E’ quanto emerge dai dati del Registro regionale di dialisi e trapianto. La rilevanza epidemiologica dell’Insufficienza renale cronica appare sempre più preoccupante. La prevalenza dei pazienti affetti da tale patologia è infatti passata da 865 per milione di abitanti nel 2003 a quasi mille nel 2010. I dati del 2011, attualmente in fase di elaborazione finale, sembrano confermare tale tendenza. L’aumento riguarda principalmente i pazienti in dialisi. Molto spesso si ignora l’esistenza del danno renale. Saperlo, invece, è di fondamentale importanza, poiché il rischio di evoluzione verso la fase avanzata dell’insufficienza renale (che rende necessario l’avvio della dialisi) è elevato ed è maggiore quello di una malattia cardiovascolare invalidante o mortale.
Di motivi per prestare un attimo di attenzione al rene, dunque, ce n’è più d’uno, ed è proprio questo il messaggio che prova a lanciare la Clinica Nefrologica della Asl e dell’Università di Chieti, che giovedì 8 marzo 2012, in occasione della Giornata Mondiale del Rene, manderà in piazza un’équipe specializzata per una campagna di sensibilizzazione sul tema delle malattie renali.
In collaborazione con la Croce Rossa Italiana dalle ore 10 alle 20 in piazza G. B. Vico a Chieti sarà allestita una postazione nella quale saranno effettuati gratuitamente il controllo della pressione arteriosa e l’esame delle urine, test che possono evidenziare problemi della funzionalità renale. I medici, inoltre, saranno a disposizione dei cittadini per dare informazioni e fornire materiale illustrativo che aiuti a comprendere l’importanza di una diagnosi precoce delle malattie renali. Ai soggetti esaminati sarà rilasciata una scheda con i risultati degli esami e i suggerimenti nefrologici ritenuti più opportuni, inclusi eventuali approfondimenti diagnostico-terapeutici.
Lo slogan di quest’anno è «Stanno bene i tuoi reni? Al mondo una persona su dieci ha un danno renale. Controlla se sei a rischio». La Clinica Nefrologica teatina ha aderito al progetto nazionale «Prevenzione delle malattie renali 2012» proposto dalla Fondazione Italiana del Rene e dalla Società Italiana di Nefrologia.
«L’insufficienza renale cronica – spiega il professor Mario Bonomini, direttore della Clinica Nefrologica di Chieti – è una malattia di grande impatto clinico, sociale ed economico per diverse ragioni, a partire dal numero di pazienti, sempre più elevato, e le patologie a essa correlate, soprattutto ipertensione e diabete mellito di tipo 2, che ne rappresentano oggi le principali cause. Tutto questo senza trascurare l’elevato tasso di mortalità che fa registrare e l’altrettanto elevata spesa che genera, perché la dialisi è una terapia ad alto costo. Negli anni scorsi molto è stato fatto per migliorare questo trattamento e per aumentare il numero dei trapianti, ma è necessario mantenere lo stesso impegno e promuovere un’efficace campagna di prevenzione e diagnosi precoce delle nefropatie».
Ed è proprio questo l’obiettivo della Clinica Nefrologica, che mira a tenere alta l’attenzione sul danno renale cronico e sulla patologia cardiovascolare a esso associata attraverso questa presenza «sul campo».