La Asl nelle scuole dell'infanzia di Lanciano per controllare la vista dei più piccoli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2536

CHIETI. Iniziativa della Asl Lanciano Vasto Chieti per tutelare la salute degli occhi dei più piccoli.

Ha preso il via in questi giorni, infatti, lo screening finalizzato alla diagnosi precoce e alla correzione dei disturbi visivi dei bambini dai tre ai cinque anni.

Organizzato dall’unità operativa di Assistenza consultoriale e dal Dipartimento materno infantile, in collaborazione con le Direzioni didattiche del 2° e 3° circolo di Lanciano, lo screening mira a individuare e correggere fin dalla più tenera età i difetti della vista, in particolare l’ambliopia, meglio nota come sindrome dell’occhio pigro. In tal modo da una parte si vuole garantire ai più piccoli la buona salute dei loro occhi, dall’altra si punta a far comprendere ai genitori l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce.  

Nei prossimi tre mesi saranno coinvolti nello screening circa 450 bambini delle scuole dell’infanzia del 2° e 3° circolo di Lanciano: saranno visitati, previa autorizzazione da parte dei genitori, da un medico e da una vigilatrice d’infanzia della Asl che, recandosi negli istituti interessati, valuteranno la loro capacità visiva. Le visite saranno effettuate previa autorizzazione da parte dei genitori, ai quali sarà consegnata una scheda dettagliata con i risultati del controllo.

Qualora venissero evidenziate particolari problematiche, i medici contatteranno telefonicamente i genitori, ai quali saranno date indicazioni e consigli su ulteriori eventuali accertamenti diagnostici.  

Nel 2009 uno screening analogo, condotto sempre negli istituti di Lanciano, evidenziò come oltre il 25% dei bambini delle scuole materne e della prima classe delle elementari avesse problemi alla vista. In particolare il 22% dei bambini presentava una riduzione del campo visivo a entrambi gli occhi o a uno solo, mentre il 6% circa accusò alterazioni della motilità oculare, che in qualche caso sfociavano in strabismo vero e proprio.

16/03/2011 13.33