Tumori: Airc, sabato 29 tornano le arance della salute

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2398

MILANO. E' stato ampiamente dimostrato che oltre il 30% dei tumori nasce a tavola, a causa di cattive abitudini alimentari.

Per contro, è noto che svariati alimenti ci possono proteggere dal cancro: l'arancia rossa di Sicilia si rivela essere uno dei migliori alleati. E' partendo da questo presupposto che l'Airc, Associazione italiana per la ricerca sul cancro, ogni anno torna nelle piazze italiane con l'iniziativa le 'Arance della Salute'. L'appuntamento del 2011, è fissato per sabato 29 gennaio.

Oltre 400 mila reticelle contenenti 3 kg di arance rosse non trattate (ricche di antociani, pigmenti naturali con straordinari poteri antiossidanti), oltre che di vitamina C (ne contiene circa il 40% in più rispetto agli altri agrumi) saranno offerte a fronte di un contributo di 9 euro, per aiutare la ricerca a rendere il cancro sempre piu' curabile.

L'obiettivo della giornata è raccogliere quasi 4 milioni di euro. Durante il suo intervento, il presidente di Airc Piero Sierra ha ricordato come il contributo che deriva dalla distribuzione delle arance costituisca la prima iniezione di risorse economiche per il 2011, fondamentale perchè consentirà il proseguimento di quei progetti di ricerca in corso già giudicati meritevoli dal sistema del peer review.

Grazie al contributo della Regione Sicilia (che si ripete da 16 anni) e alla generosità dei volontari che si adoperano per la distribuzione delle arance in più di 2000 piazze, per ogni euro raccolto sono 60 i centesimi che potranno essere destinati alla ricerca.

Quest'anno in occasione delle Arance Airc ha scelto di focalizzare la comunicazione sull'alimentazione infantile, partendo dal presupposto che, se introdotte in giovane età, abitudini alimentari corrette sono il migliore investimento per la salute.  

28/01/2011 9.21