Progetto Edu.Care per prevenire il consumo di droga

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2782

TERAMO – Il Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione Ufficio Droghe e Crimine dell’ONU ha avviato il progetto EDU.CARE.

L'obiettivo è di prevenire il consumo precoce di droghe nei i giovani tra i 13 e 18 anni e intervenire sui  fattori che possono favorirne l'uso.

L'idea prevede anche di creare un sistema di conoscenze che permetta ai familiari di individuare l'utilizzo precoce di queste sostanze da parte dei figli.

Per questo il piano è rivolto a genitori di pre-adolescenti e adolescenti, insegnanti e alle altre figure di riferimento che operano con i ragazzi più giovani nelle scuole, nelle associazioni, negli oratori e nelle comunità terapeutiche.

«Il nostro paese - scrivono dal dipartimento politiche antidroga – si situa tra i Paesi europei con uso elevato di droghe (8 individui su 1000) e l’età dei primi contatti con le “sostanze” è precoce, al punto che un ragazzo su quattro in età 15-19, ne ha fatto uso nell’ultimo anno e la loro diffusione si allarga in una fase dello sviluppo particolarmente complessa quale è l’adolescenza».

L'azione consiste in una serie di 10 incontri gratuiti che si svolgeranno dall'11 febbraio all'11 aprile presso la sede del Centro Sportivo Italiano e del Circolo Culturale Sportivo “Giovanni Paolo II – Uniteramo”

«Non è un percorso che dice “come fare”, che offre le “ricette”, ma che punta sulla vera risorsa: i genitori», aggiungono gli organizzatori,«ai quali si propone di fornire un aiuto specialistico mirato alle loro necessità e le conoscenze adeguate per prevenire e individuare l’utilizzo di “sostanze stupefacenti” da parte dei loro figli».

EDU.CARE offre una vera e propria formazione breve, opportunamente certificata, volta a creare le competenze per identificare ed interpretare i segnali che si rivelano nei comportamenti dei ragazzi. 

Famiglie ed insegnanti sono coinvolti insieme nel progetto educativo, che intende facilitare il dialogo tra la scuola e casa, per creare una continuità dell’azione formativa della Scuola, volta ad assicurare e rafforzare una visione educativa condivisa.

Il coordinatore Provincia di Teramo sarà da Angelo De Marcellis che si occuperà di scegliere i relatori dei vari incontri.

Il progetto sarà presentato venerdì 28 gennaio alle ore 11.00 presso la Sala Polifunzionale della Provincia di Teramo con la partecipazione delle autorità locali e del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per la famiglia, al contrasto delle tossicodipendenze e al servizio civile.

Il corso ha un numero di partecipanti massimo di di 15 famiglie che saranno selezionate il 25 gennaio alle ore 18.00 presso la Scuola elementare Noè Lucidi di Teramo in Viale Crispi, 1 e 7 febbraio alle ore 18.00 presso la Scuola elementare San Giuseppe di Teramo in Via Dei Funari.

14/01/2011 16.32