Due giornate pe la prevenzione dei disturbi dell’età evolutiva

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3126

ABRUZZO. Da domani, sabato 18 dicembre, al via le due giornate di prevenzione gratuita dei disturbi dell’età evolutiva.

L’iniziativa è promossa dall’Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Pescara, in collaborazione con lo Studio medico Stenella sito in v.le Bovio 275 – Pescara.

Lo studio medico Stenella effettuerà uno screening gratuito, dalle ore 10.00 alle ore 18.00, con la collaborazione di diverse figure professionali: neuropsichiatra infantile, psicologo, terapista della neuro-psico riabilitazione, fisiatra, ortottista e audiologo, al fine di prevenire le problematiche relative allo stato di salute neuro-psicologico e fisico dell’infanzia e dell’adolescenza, diffondere il concetto di prevenzione globale e di prevenire patologie invalidanti dell’infanzia, quali disturbi dell’apprendimento, del linguaggio, neuro-psico motori, della postura, visivi e audiologici, che possono ostacolare la crescita e lo sviluppo della personalità in tutti i suoi aspetti cognitivi, affettivi, relazionali e sociali, attraverso un approccio interdisciplinare.

Infatti, attraverso uno screening di prevenzione è possibile individuare i fattori di rischio evolutivo e intraprendere un trattamento riabilitavo mirato che sin dai primi anni di vita del bambino possa contrastare l’evoluzione verso  quadri clinici più severi è indirizzare il bambino verso l’acquisizione di capacità adeguate all’età. 

Sarà pertanto predisposto una sorta di circuito di prestazioni socio-sanitarie per ciascun paziente, i cui risultati delle prestazioni effettuate sul minore saranno evidenziate ai genitori.

«Oltre al raggiungimento dei risultati previsti con questa iniziativa quali», spiegano gli organizzatori, «la diffusione del concetto di prevenzione globale e la possibilità di prevenire patologie invalidanti, con le attività dello screening di prevenzione sarà rilevato il bisogno emergente, così da realizzare ed indirizzare le attività future sullo specifico bisogno emerso».

17/12/2010 16.55