Prevenzione tumore al seno: mammografia per 70% delle donne tra 50-69 anni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2841

ROMA.  Quasi 7 donne su 10 tra i 50 e 69 anni si sono sottoposte nel 2009 a uno screening per la prevenzione del tumore al seno con la mammografia.

Una percentuale rimasta sostanzialmente stabile rispetto al 2007 e 2008 in Italia, come rileva il rapporto Passi, pubblicato sul sito Epicentro dell'Istituto superiore di sanità (Iss). Tuttavia molte donne si sottopongono a questo esame già prima dei 50 anni. L'età media della prima mammografia è infatti 45 anni e il ricorso allo screening è frequente prima dei 50 anni. Secondo il rapporto, il 61% delle donne tra 40 e 49 anni ha fatto almeno una volta la mammografia a scopo preventivo: si tratta del 53% di quelle residenti al Sud, del 64% al Centro e del 67% al Nord. Per quanto riguarda i programmi di screening tra i 50 e 69 anni, l'indagine mette in luce notevoli diseguaglianze geografiche: in media il ricorso al monitoraggio con mammografia nel 2009 è stato dell'80% al Nord (80%), del 75% al Centro e del 48% al Sud e nelle Isole (48%), con le eccezioni di Basilicata e Molise (63% entrambe) e il record negativo della Campania (38%). La mammografia viene effettuata in gran parte nell'ambito di programmi organizzati dalla Asl: poco meno di una donna su cinque (18%) fa lo screening su iniziativa personale. Anche qui emergono differenze a livello regionale: si va dal 9% in Umbria al 41% della Liguria. La mammografia di screening é meno frequente tra le donne con basso livello d'istruzione, non sposate o conviventi, con difficoltà economiche e cittadinanza straniera. Inoltre, le donne residenti al Sud hanno una probabilità notevolmente inferiore di fare la mammografia. Secondo gli studi, la mortalità per cancro della mammella si riduce di circa il 35% tra le donne che praticano la mammografia ogni due anni, a partire dai 50 fino ai 69 anni di età. L'Iss stima che in tutto il 2010 si stiano accumulando 38.286 nuovi casi e che, in virtù di una migliore sopravvivenza, attualmente ben 472.112 donne italiane vivono dopo aver avuto un cancro della mammella. Tutto ciò grazie alla diagnosi precoce e alla efficacia delle cure.

 03/12/2010 13.26