Ictus cerebrale colpisce 1 persona ogni 6 secondi ma pochi sanno cos'è

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3900

ROMA. “One in Six”: 1 persona ogni 6 secondi, nel mondo, indipendentemente dall’età o dal sesso, viene colpita da ictus.

 

In Italia, ogni giorno, l’ictus colpisce circa 660 persone. “One in Six” racchiude i concetti chiave della campagna mondiale: la persona colpita potresti essere tu – previeni l’ictus, riconosci i suoi sintomi, assicurati di ricevere le cure appropriate.

«Ciò che emerge nella popolazione, purtroppo, è la scarsa conoscenza di cosa sia un ictus, come si manifesti e quanto sia importante il ricovero in ospedale il prima possibile – afferma la professoressa Maria Luisa Sacchetti – presidente della Federazione A.L.I.Ce. Italia Onlus e neurologa vascolare presso l’Azienda Ospedaliera del Policlinico Umberto I di Roma. E’ dunque fondamentale realizzare campagne informative, che coinvolgano anche le fasce più giovani della popolazione, che veicolino le informazioni sull’ictus nella maniera più corretta, mettendo le persone in grado di gestire questo aspetto della propria salute senza inutili allarmismi, ma anche con la necessaria serietà».

 In occasione della Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale, A.L.I.Ce. Italia Onlus presenta i primi risultati dell’indagine condotta sulla conoscenza dell’ictus ed i costi che gravano sui malati di ictus cerebrale, realizzata da A.L.I.Ce. Italia Onlus in collaborazione con il Censis e l’Università degli Studi di Firenze, all’interno del progetto “Promozione dell’assistenza all’Ictus Cerebrale in Italia” finanziato dal CCM – Ministero della Salute.

 L’indagine Censis ha messo in luce come l’ictus rimanga ancora, per moltissimi italiani e in particolare per i più anziani, una patologia quasi sconosciuta: il 77,0% pensa di sapere cos’è, ma tra loro è solo il 55,8% ad identificarlo correttamente come una malattia del cervello, mentre il 14,2% ritiene che sia un tipo di infarto cardiaco, e l’11,6% lo considera una malattia del sangue. I sintomi specifici dell’ictus vengono identificati con maggior precisione, ed è infatti il 68,7% a indicare l’improvvisa paralisi di un lato del corpo come uno di essi, mentre il 58,8% fa riferimento all’improvvisa difficoltà a parlare o a comprendere quello che ci viene detto, ma solo l’11,0% riconosce nel problema di vista o cecità improvvisa un sintomo dell’ictus. «E’ però soprattutto la mancata conoscenza dell’importanza enorme che possono avere l’instaurazione tempestiva della trombolisi (il 26,2% sa cos’è) e l’invio ad una stroke unit (è appena il 15,0% a sapere di cosa si tratta) a costituire un dato preoccupante – dichiara la Dottoressa Ketty Vaccaro, Responsabile Welfare e Salute del Censis - dal momento che si tratta di misure terapeutiche che possono ridurre in modo decisivo i danni dell’ictus».

Per quanto riguarda lo studio condotto sui pazienti grazie alla mobilitazione sul territorio di A.L.I.Ce. Italia Onlus, i dati hanno messo in luce soprattutto come il carico assistenziale ricada soprattutto sulle famiglie: i caregiver (i parenti prossimi che si occupano dei pazienti, per la maggior parte la moglie o una figlia) convivono con i pazienti nel 66,2% dei casi, comunque li vedono per 6,6 giorni a settimana, e prestano mediamente loro 6,9 ore al giorno di assistenza diretta. «L’impatto dell’assistenza sulla loro vita – ribadisce la Vaccaro – è assolutamente dirompente: il 55,7% non ha più tempo libero e nel 77,8% dei casi indicano che la qualità della loro vita è peggiorata, o molto peggiorata, a causa dell’onere assistenziale. Il 72,1% si sente stanco, e uno su quattro (il 24,8%) soffre di depressione». Il supporto principale all’assistenza giunge dalle badanti, cui ricorre il 38,7% delle famiglie, ma che comporta per esse una spesa assolutamente non irrilevante, pari in media a 830,30 € mensili.

In Italia si verificano circa 200.000 ictus ogni anno e 660 casi al giorno . Per la sua elevata incidenza, l’ictus cerebrale rappresenta un problema assistenziale, riabilitativo e sociale di enormi dimensioni.

L’ictus però non è soltanto una malattia dell’anziano: dei 200.000 nuovi casi di ictus che si verificano ogni anno nel nostro Paese, circa 4.200 riguardano soggetti con età inferiore ai 45 anni. Alcuni dei fattori di rischio ictus quali ad esempio sesso, età ed ereditarietà non sono modificabili e quindi non dipendono dal comportamento dell’individuo, altri fattori come un’errata alimentazione, l’alterazione dei grassi nel sangue, il fumo ma anche l’abuso di alcool e droga possono danneggiare le arterie in giovane età, predisponendo l’individuo a possibili attacchi di ictus.

Tutte le informazioni sulle singole iniziative regionali previste in occasione della Giornata Mondiale sono inserite sul sito: www.aliceitalia.org

28/10/2010 13.36