Tumori: carne rossa alla brace aumenta rischio cancro ai reni

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

23008

NEW YORK. Le persone che mangiano molta carne rossa potrebbero incorrere in un più alto rischio di ammalarsi di cancro del rene.

A suggerirlo uno studio statunitense dell'Health Science Center dell'Università del North Texas, pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition. I ricercatori hanno scoperto che gli adulti di mezza età che mangiano spesso carne rossa hanno il 19 per cento in più di probabilità di vedersi diagnosticato un tumore al rene. La causa sarebbe nel maggiore apporto di sostanze chimiche contenuto nella carne alla griglia o alla brace. «Nonostante questo smettere di mangiare carne - ha spiegato Mohammed El-Faramawi, epidemiologo della University of North Texas a Fort Worth - sarebbe un errore però è necessario assumerne una quantità limitata». Meglio ricorrere con frequenza a carni più magre, come polli e pesce. «Perchè mangiare carne rossa in grandi quantità, anche se non necessariamente porta ad ammalarsi di cancro del rene, aumenta il rischio di sviluppare una serie di problemi di salute, come l'accumulo di placche nelle arterie». La ricerca ha usato i dati accumulati su un campione di circa 500mila adulti dai 50 anni in su intervistati sulle loro abitudini alimentari, tra cui il consumo di carne, e seguiti per una media di nove anni. Durante il periodo di indagine, a circa 1.800 partecipanti sono stati diagnosticati tumori al rene. Tutti dichiaravano il più alto consumo di carne rossa, raggiungendo il 19 per cento in più di probabilità di ammalarsi. Un calcolo effettuato dopo aver considerato altri aspetti della dieta e dello stile di vita che potrebbero aver influenzato l'insorgere del cancro, quali fumo, alcol, ipertensione e diabete. I consumatori di carne rossa a rischio hanno dichiarato di mangiare frequentemente la carne alla griglia e brace e quindi avevano la più alta esposizione a sostanze chimiche cancerogene. Il pericolo correlato alla cottura può essere ridotto evitando l'esposizione diretta della carne a fiamme libere o a una superficie metallica calda. 29/12/2011 12:33