Natale: il decalogo dei dietisti per evitare sprechi di cibo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1966

ROMA. Ogni anno un terzo del cibo prodotto sulla terra, circa 1,3 miliardi di tonnellate, viene perso, sprecato, buttato.

Nei Paesi ricchi, tra cui l'Italia, si sprecano 222 milioni di tonnellate di cibo l'anno. In Europa e Nord America si stima che i consumatori buttino via circa 100 chili di cibo a persona ogni anno. Dati che stridono con altre zone del mondo. Per fare un esempio l'Africa Sub-sahariana produce 230 milioni di tonnellate di cibo l'anno: esattamente quanto buttiamo noi 'ricchi'. Con questi dati - diffusi dall'ONU - l'Associazione nazionale dei dietisti italiani (Andid) vuole, come avviene ogni anno, non solo lanciare l'allarme in vista delle feste natalizie, dove lo spreco cresce a dismisura, ma anche offrire qualche consiglio utile. «Da sempre - spiega la presidente Andid, Giovanna Cecchetto - le feste natalizie e di fine anno sono l'occasione per condividere tavole imbandite. Anche in epoche in cui non regnavano certo disponibilità di cibo e denaro paragonabili a quelle di oggi, vigeva l'usanza di creare ricette elaborate, a base di ingredienti prelibati e particolarmente ricchi in grassi, zuccheri e calorie. Ma a differenza di oggi, quei cibi erano destinati a durare anche dopo le festività e venivano 'centellinati' nel tempo grazie alla pratica del 'riciclo', cioè di una vera creatività culinaria che trasformava gli avanzi, in piatti altrettanto gustosi e nutrizionalmente adeguati. Oggi non è più così. Si butta tutto». E così cibi ancora buoni finiscono al macero - secondo l'Istat - perchè ne sono stati comprati troppi (40% dei casi), perchè ci siamo fatti convincere dall'allettante "prendi tre paghi due (21%), sono scaduti o sono andati a male (24%), non sono piaciuti (9 %) o non servivano proprio (7%). Ecco il decalogo dei dietisti per un "Natale sostenibile":

1) Non arrivare affamati al momento dei pranzi.

2) Ascoltare e rispettare i segnali di sazietà

 3) Evitare pani e grissini vari tra una portata e l'altra

4) Evitare di farsi versare il vino più volte, bere a piccoli sorsi controllando la quantità e non bere superalcolici

5) Se si conosce il menù, dare preferenza ai piatti più graditi ed evitare quelli meno graditi. Alternare piatti più ricchi di grassi e condimenti con altri meno ricchi e prevedendo sempre dei contorni di verdura.

6) Farsi servire porzioni piccole/moderate

7) Non rinunciare alle verdure, che aiutano a saziarsi

8) Acquistare alimenti nella quantità corretta e proporzionata al numero degli invitati.

9) Non lasciarsi tentare da offerte e sconti e limitare eccessive "scorte" di alimenti

10) Approfittare del tempo libero per muoversi un pò.

07/12/2011 07:36