POLTRONE

Provincia e Ambiente, parte il nuovo corso: «più attività diversificate»

Fabio Di Paolo neo presidente

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

171

Provincia e Ambiente, parte il nuovo corso: «più attività diversificate»


PESCARA. Prende il via il nuovo corso della società Provincia e Ambiente spa, in seguito alle nomine del nuovo CdA, effettuate dal presidente della Provincia Antonio Di Marco.

Il rinnovo degli organi sociali era stato deliberato il 12 maggio scorso dall’assemblea dei soci, presieduta dal dirigente Antonio Forese, già amministratore unico della società.

In quella seduta fu nominato il nuovo Consiglio di amministrazione, così composto: presidente Fabio Di Paolo; vicepresidente Valeria Cappellucci; consigliere: Gianluca Buccella; presidente del Collegio Sindacale: Gaetano Ranalli, che si aggiunge ad Antonio Epifano e Valentina Longo, già componenti del collegio sindacale .
«A questo punto intraprenderemo un nuovo percorso – dichiara Antonio Di Marco – diversificando e incrementando le attività. Tra queste c’è il censimento dei canoni di accesso alle strade provinciali (Cosap) e per la cartellonistica pubblicitaria. La Provincia ha già approvato la delibera con la quale si affida alla società strumentale il servizio di “efficientamento” della gestione amministrativa propedeutica all’accertamento delle concessioni, in modo da garantire certezza nella riscossione dei canoni. Provincia Ambiente era nata nel 2001 per effettuare, per conto della Provincia, i controlli necessari ad accertare l’effettivo stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici, ma già in questi ultimi mesi si era ampliata la gamma dei compiti ad essa affidati, compiti di supporto alle attività fondamentali che tuttora la Provincia svolge in campo ambientale, nel settore dell’edilizia scolastica e di gestione e manutenzione delle strade di proprietà. Da oggi – conclude Di Marco - garantiamo iter più snelli, maggiore efficienza anche perché siamo riusciti a riportare ottimismo e motivazione tra i dipendenti, usciti dal periodo di cassa integrazione guadagni e di incertezza lavorativa e rientrati a pieno regime nell’organico della società».
La società esce fuori da un periodo di assestamento, dopo la reggenza e le dimissioni (avvenute il 12 maggio) dell’amministratore unico, il dirigente Antonio Forese, passato, in seguito alla riforma Delrio, alla Regione Abruzzo.

La conduzione di Forese è durata 10 mesi, essendo stato nominato nel luglio scorso con il preciso mandato di razionalizzare i costi di gestione e incrementare le attività in modo da tener inalterato l’organico e non ricorrere a licenziamenti. In collaborazione con il direttore della società, l’ingegner Pietro Zallocco, sono state attuate diverse misure per la riduzione dei costi di gestione. Per esempio la voce affitti e locazione, in quanto la società si è trasferita in locali messi a disposizione della Provincia, con un risparmio di circa 20.000 euro; la voce “costo organi sociali” in quanto dal 1 agosto l’amministratore unico e il collegio sindacale hanno prestato la loro opera a titolo gratuito, con un risparmio per la società di 42.000,00 euro; e ancora la voce di costo relativa alla consulenza fiscale, in quanto la contabilità aziendale viene effettuata all’interno della struttura. Tutto questo ha generato un risparmio di circa 70.000 euro, cui si aggiungono i circa 12.000 euro derivanti dall’incremento delle attività aziendali, data la presa in carico della gestione e manutenzione del patrimonio di edilizia scolastica per la Provincia e il supporto per il trasloco e la riorganizzazione degli uffici provinciali (facchinaggio, trasporto, interventi vari).