Imprenditoria, 12 milioni per 153 richieste. A Teramo un terzo dei fondi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1993

I DOCUMENTI. ABRUZZO.La provincia di Teramo si dimostra ancora una volta la più capace ad incassare i fondi messi a disposizione dall'assessorato al Lavoro.

I DOCUMENTI. ABRUZZO.La provincia di Teramo si dimostra ancora una volta la più capace ad incassare i fondi messi a disposizione dall'assessorato al Lavoro.

Su ben 12 milioni di euro del Fondo sociale Europeo 2007/13 destinati all'intero territorio regionale il teramano se ne porta a casa poco meno di 4 milioni di euro (3.940.189) per un totale di 52 progetti finanziati.

Seconda in classifica per i nuovi fondi messi a disposizione dall'Europa, secondo i dati delle graduatorie diffuse oggi e rielaborati da PrimaDaNoi.it, la provincia di Chieti con un totale di 3.771.803 euro e 37 progetti approvati.

Due progetti in più appoggiati, ovvero 39, per la provincia di Pescara che si aggiudica però meno fondi: 2.628.850 mila euro. Fanalino di coda la provincia aquilana che nonostante il sisma  dimostra di non essere particolarmente attratta da questi soldi pubblici: appena 25 i progetti finanziati per un totale di 1.696.769. A onore del vero, dall'Aquilano sono partiti altri 20 progetti che sono stati però bocciati per mancanza di requisiti o documentazione non corrispondente alle richieste. Solo la provincia di Chieti ha fatto peggio con 32 no. A Teramo 16 le domande respinte e a Pescara 13.

Ma le domande che arrivano dal Teramano hanno anche un altro primato: sono ben 9, infatti, quelle che hanno ricevuto un contributo superiore ai 150 mila euro (tra queste, 6 ammontano a 200 mila euro), 3 superano i 150 mila euro in provincia di Pescara, 2 nel chietino e uno nell'aquilano.

Lo stesso primato era stato raggiunto anche ad inizio anni con i fondi alla Cultura (sempre assessorato di Gatti), e qualche mese prima con quelli del Programma di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico . Non erano mancate polemiche e Gianni Melilla (Sel) aveva contestato la fitta presenza di realtà teramane correlata alla teramanità del presidente della Regione, ribattezzato addirittura il 'sultanetto dei fondi pubblici'. Ma in entrambe le occasioni era stato ribadito che le aziende teramane sono semplicemente quelle che presentano più domande. E anche questa volta deve essere andata così.

CHE SOLDI SONO

Ma cosa sono questi soldi? Sono i fondi che l'assessorato al Lavoro della Regione Abruzzo ha distribuito ai Progetti 'Fare Impresa' e 'Autoimprenditorialità Femminile'. Nello specifico sono 61 i progetti finanziati per l'autoimprenditorialità femminile che riceveranno un totale di 4,28 milioni di euro, mentre i 92 progetti finanziati dal bando 'Fare Impresa' riceveranno risorse pari a 7,75 milioni di euro.

Tra i beneficiari c'è un po' di tutto, dal cantiere navale, alla friggitoria, dalla parafarmacia alla cooperativa sociale. E poi ancora attività di infissi, negozi di animali, catering, grafica e gioielli, residence, società di informatica, una officina tessile, centri per l'infanzia, uno studio infiermeristico, uno sport village e un centro di sicurezza antinfortunisti.

«Sono soddisfatto», ha dichiarato l'assessore al Lavoro Paolo Gatti, «che gli uffici abbiano portato a termine questi due importanti bandi che riversano, sul mercato imprenditoriale e del lavoro, ben 12 milioni di euro. Una boccata di ossigeno importante soprattutto per il lavoro femminile e la voglia di impresa delle donne abruzzesi». «La nostra Regione», prosegue Gatti, «si sta segnalando all'attenzione nazionale come un esempio di buone pratiche per il sostegno all'occupazione, soprattutto quella femminile. Sono lieto che anche un ente indipendente, ha proseguito, e che gode di massima stima, come Bankitalia, abbia voluto ribadire, con una nota di particolare favore, i dati sull'occupazione in Abruzzo che registrano un'evidente miglioramento. Il fatto che Bankitalia abbia sottolineato in particolar modo la performance sull'occupazione femminile è un elemento di ulteriore stimolo. La Regione, infatti, sta portando avanti la sua azione sul mercato del lavoro con convinzione ed autorevoli analisi, diradando del tutto le nebbie delle inutili polemiche statistiche».

a.l.  11/11/2011 16.09

 

FONDI IMPRENDITORIA ABRUZZO GRADUATORIA Allegato A

 

FONDI IMPRENDITORIA ABRUZZO GRADUATORIA 2