Nasce il gruppo bancario più grande d’Abruzzo: Teramo ha la meglio su Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5193

TERAMO. La Banca di Teramo fagocita la Caripe di Pescara. Nasce un gruppo bancario che influenzerà il futuro della intera regione.

E' una delle operazioni finanziarie più importanti degli ultimi anni. Il Banco Popolare e la Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo S.p.A (Banca Tercas) hanno definito l’accordo per la cessione della partecipazione (95%) detenuta dal Banco Popolare in Banca Caripe S.p.A. a Banca Tercas. Il controvalore complessivo dell’operazione è di 228 milioni di euro.

L’operazione prevede il pagamento del corrispettivo diluito in quattro tranches. La prima, pari a 70 milioni di euro, alla data di esecuzione del closing, previsto entro dicembre 2010. Seguiranno poi tre tranches semestrali rispettivamente di 70, 50 e 38 milioni di euro con facoltà da parte di Banca Tercas di anticipare il pagamento delle rate.

La Cassa di Risparmio di Pescara conta su 384 dipendenti e su 51 sportelli - di cui 45 in Abruzzo - più 5 tesorerie. Al 30 giugno 2010 esponeva attività totali per 1.694,7 milioni di euro - di cui crediti netti verso clientela per 1.534,9 milioni, al lordo di circa 173 milioni retrocessi al cedente, di cui 31 non-performing - raccolta diretta ordinaria pari a 1.232,4 milioni, raccolta indiretta di 908,7 milioni e un patrimonio netto di 117,5 milioni di euro. Ha chiuso il primo semestre 2010 con un utile netto di 5,6 milioni di euro.

L’operazione, che non avrà significative ripercussioni sulla capacità distributiva del Gruppo Banco Popolare, si inserisce nell’ambito delle iniziative volte al rafforzamento patrimoniale. La cessione determinerà effetti positivi sui ratios patrimoniali nell’ordine di 17 bps sul Core Tier1Ratio, di 19 bps sul Tier1 Ratio e 22 bps sul Total Capital Ratio.

Al contempo l’acquisizione permetterà a Banca Tercas di diventare il primo gruppo bancario nella regione Abruzzo con 163 sportelli e attivi creditizi consolidati di 5 miliardi di euro. Il closing dell’operazione è condizionato al risultato della due diligence confirmatoria e all’ottenimento delle autorizzazioni da parte delle autorità competenti.

Il Gruppo Banco Popolare è stato assistito dallo Studio Legale Pavesi, Gitti e Verzoni. Banca Tercas è stata assistita dallo studio legale Hogan Lovells e in qualità di advisor finanziario da Banca IMI.

Grande favore si riscontra nelle dichiarazioni del presidente della Regione, Gianni Chiodi.

«L'Abruzzo», ha detto Chiodi, «ha bisogno di strumenti adeguati per superare questo delicato momento di crisi economica e rendere più equilibrato il rapporto tra imprese e sistema finanziario, favorendo in tal modo gli imprenditori sul versante della politica creditizia. Il neonato gruppo bancario saprà essere vicino ai bisogni delle imprese, che, in questo momento sfavorevole, hanno urgente bisogno di risposte concrete e di soluzioni che le ricollochino, più competitive, sul mercato nazionale ed internazionale. Siamo più che mai convinti che, oggi, per uscire dalla crisi occorra più coraggio nelle scelte e politiche di sostegno più incisive a favore del tessuto produttivo. Ecco perché l'apertura al più grande gruppo bancario della regione Abruzzo - ha proseguito il Presidente - si traduce in una cerniera strategica tra sistema bancario e mondo imprenditoriale per contrastare la mancanza di liquidità e investire nella competitività di piccole e medie imprese, nell'accesso al credito e nella crescita dimensionale».

 Il consiglio di amministrazione è composto dal Presidente: Lino Nisii, Vice Presidente: Mario Russo, Consiglieri: Giuseppe Cingoli, Antonio De Dominicis, Antonio Forlini, Guglielmo Marconi, Luigi Marini, Federica Morricone, Enzo Formisani, Roberto Carleo, Fabrizio Sorbi . Il collegio sindacale  è composto dal  Presidente: Gianfranco Scenna, Luca Di Eugenio, Simona Conte, Maurizio Di Provvido, Gilda Ruggieri. Direttore Generale è Antonio Di Matteo, Vice Direttore Generale è Francesco Corneli.

05/10/2010 15.19