Sforbiciata del Tar sul calendario venatorio abruzzese

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1937

ABRUZZO. Il TAR censura la Regione Abruzzo sul Calendario Venatorio su ricorso del WWF, degli Animalisti Italiani e della Lega per l'Abolizione della Caccia.  Crolla il cuore del calendario venatorio, periodi di caccia da rifare completamente.

Il TAR di L'Aquila ha sospeso una buona parte del calendario venatorio della Regione Abruzzo.

«Nel nostro ricorso», dichiara l'Avvocato Michele Pezone, che ha curato il ricorso per le associazioni, «abbiamo sollevato numerose questioni circa la legittimità del comportamento della Giunta Regionale che, nel formulare il calendario venatorio 2011-2012, aveva largamente disatteso il parere dell'Istituto Superiore per la Ricerca e Protezione dell'Ambiente (ISPRA), massimo organismo scientifico dello Stato. In particolare la Giunta Regionale ha completamente stravolto i periodi di caccia per le singole specie che erano stati suggeriti dall'ISPRA, allungando il periodo di caccia per ben 27 di queste. Il T.A.R. ha ritenuto che la Giunta Regionale non ha motivato adeguatamente tutti questi abnormi scostamenti dai periodi indicati dall'ISPRA. Inoltre il TAR ha censurato la Regione anche sugli orari di caccia».
Secondo Dante Caserta, consigliere nazionale del WWF «è l'ennesima sconfitta della Regione Abruzzo in materia venatoria. L'ordinanza del TAR colpisce il cuore stesso del Calendario Venatorio, i periodi di apertura della caccia. La deriva filovenatoria della Direzione Agricoltura e del relativo ufficio caccia e l'estremismo dell'Assessore Febbo stanno causando un vero e proprio kaos nel settore della caccia a discapito della conservazione delle specie. Ad agosto abbiamo prima visto abortire, grazie alla nostra determinazione e all'opposizione di alcuni consiglieri regionali di minoranza, il tentativo da parte della maggioranza di varare il calendario venatorio per legge regionale. Da agosto in poi, la Giunta ha varato ben tre diverse versioni del Calendario, cosa che non l'ha messa al riparo dalle censure del T.A.R. Ora la Giunta Regionale deve gettare la spugna ed arrendersi all'evidenza, adeguando immediatamente i periodi di caccia per tutte le specie alle indicazioni dell'ISPRA».

27/10/2011 16.41

FEBBO: «ORDINANZA SOLO SOSPENSIVA» 

«L’ordinanza è solo una sospensiva mentre la decisione di merito è rinviata ad aprile 2012», commenta l'assessore Mauro Febbo, «e quindi appare del tutto ingiustificato il solito trionfalismo del WWF, in quanto al momento l’attività venatoria può continuare senza sostanziali variazioni. Riferisco infine che la Regione ha attivato percorsi mai avviati prima in Abruzzo che condurranno per la prima volta ad una vera gestione tecnico-scientifica della fauna e dell’ambiente scevra di qualsiasi condizionamento passionale e di parte da qualunque direzione provengano. Ne è riprova che finalmente viene attivato l’osservatorio faunistico regionale presentato nel recente convegno del 21 ottobre, in cui i migliori scienziati e tecnici faunistici italiani, hanno dato indicazioni operative alle quali ci si atterrà, a dimostrazione dell’impegno e serietà con cui il sottoscritto intende gestire il settore. Il convegno tra l’altro, ha ricevuto il plauso di tutti i partecipanti venuti anche da altre regioni d’Italia». 28/10/2011 8.30