Regione, nel 2010 approvate 62 leggi (+50% rispetto 2009)

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1786

Regione, nel 2010 approvate 62 leggi (+50% rispetto 2009)
ABRUZZO. Sono stati illustrati questa mattina i contenuti del Rapporto 2010 sullo stato della legislazione regionale.

Nel corso dello scorso anno sono stati presentati 132 progetti di legge, di cui 94 di iniziativa del Consiglio regionale e 38 della Giunta. Le leggi approvate sono state 62, 30 in più del 2009, di cui 30 di iniziativa consiliare, 30 di iniziativa di giunta e 2 di iniziativa congiunta Consiglio-Giunta. Un dato che porta l’Abruzzo in cima alla classifica delle Regioni italiane, seguito dalla Toscana, con 49 leggi. Il Consiglio regionale ha poi contribuito ulteriormente alla produzione legislativa, emendando 37 leggi (delle 62 totali) nel corso del dibattito in Aula. Tra gli altri dati contenuti nel rapporto, spicca la produzione legislativa complessiva: dal primo gennaio 1972 al 31 dicembre scorso, la Regione ha approvato 3240 leggi, risultando in tal modo la più “prolifica” in Italia.

Nel 2010 il tasso mensile di legislazione è stato pari a 5,2 leggi mensili, a fronte di 2,7 del 2009. Lo scorso anno l’iter legislativo è durato in media 85 giorni e la “dimensione” delle norme è stata mediamente più corposa rispetto all’anno precedente. Per quanto riguarda le materie di intervento, il settore maggiormente interessato è stato quello dello “sviluppo economico ed attività produttive” con 19 leggi su 62.

«In Abruzzo – ha sottolineato il presidente del Consiglio Nazario Pagano, che ha presentato il rapporto insieme agli altri membri dell’Ufficio di Presidenza- il Consiglio regionale è centrale nella produzione normativa, a differenza di quanto avviene in altre Regioni dove c’è una preminenza dell’iniziativa di Giunta. Credo vada sottolineato anche il dato relativo all’iniziativa dei singoli gruppi politici, che ha visto l’opposizione vedere approvati 12 provvedimenti, a fronte dei 20 della maggioranza, a testimonianza dello spirito di collaborazione che c’è in Consiglio».

Tra le leggi approvate, quelle più importanti riguardano la “Disciplina generale sull’attività normativa regionale e sulla qualità della normazione” (presa a modello dalle altre Regioni italiane) e il “Testo unico delle norme sul trattamento economico e previdenziale spettante ai Consiglieri regionali e sulle spese generali di funzionamento dei gruppi consiliari” che ha proceduto al riordino della legislazione esistente in materia con la contestuale abrogazione di ben 39 leggi previgenti. Tale testo unico, peraltro di iniziativa consiliare, ha rivestito un ruolo determinante nel far sì che, nella storia della Regione Abruzzo, l’anno 2010 risulti, dopo il 2000, quello che ha visto il Legislatore regionale maggiormente impegnato in un’attività di semplificazione del sistema normativo regionale con l’abrogazione di 46 leggi.

Un discorso a parte il contenzioso costituzionale: l’anno scorso su 62 leggi approvate, 12 sono state impugnate dal Governo, con una percentuale pari al 19% che colloca l’Abruzzo al quinto posto nel panorama nazionale per la percentuale di leggi impugnate rispetto a quelle approvate. Di queste, però, ben 7 contenevano disposizioni introdotte con emendamenti presentati in Aula.  

27/07/2011 15.33