Bando per reclutare 191 lavoratori in mobilità per 500 euro in più

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3016

?ABRUZZO. E' stato pubblicato oggi l'avviso per la raccolta di candidature, da parte di lavoratori in mobilità, per l'accesso a percorsi integrati per tirocini formativi e attività socialmente utili presso gli Uffici giudiziari del distretto della Corte di Appello di L'Aquila.

?ABRUZZO. E' stato pubblicato oggi l'avviso per la raccolta di candidature, da parte di lavoratori in mobilità, per l'accesso a percorsi integrati per tirocini formativi e attività socialmente utili presso gli Uffici giudiziari del distretto della Corte di Appello di L'Aquila.

 Il progetto speciale multiasse ad attuazione provinciale è finanziato con 1.146.000 milioni di euro del Piano Operativo 2009/10/11 del FSE 2007/13 e dà la possibilità, ai 191 lavoratori in mobilità selezionati, di percepire un'ulteriore indennità mensile di 500 euro per 12 mesi.

«Dall'analisi di due elementi di criticità: lo stato di mobilità di molti lavoratori e la situazione difficile del personale degli uffici giudiziari abruzzesi», ha spiegato l’assessore Gatti, «abbiamo costruito un percorso originale ed innovativo per dare risposte concrete. Diamo un contributo al bisogno di rendere più efficace ed efficiente la gestione della giustizia abruzzese e rispondiamo al desiderio di alcuni lavoratori di rientrare nel mercato del lavoro ed essere socialmente utili».

Il progetto sperimentale, promosso congiuntamente dalla Regione Abruzzo, dalla Corte di Appello, dalla Procura generale della Repubblica di L'Aquila, dalle Amministrazioni provinciali e dalle Organizzazioni sindacali, prevede un percorso integrato finalizzato all'utilizzo dei lavoratori percettori di indennità di mobilità presso gli Uffici Giudiziari del distretto della Corte d'Appello dell'Aquila.

In questo modo si vuole assicura agli Uffici giudiziari del territorio abruzzese la possibilità di avvalersi, per un periodo di 12 mesi, delle prestazioni di lavoratori percettori di ammortizzatori sociali, con indubbi vantaggi in favore del funzionamento dell'amministrazione della giustizia. Inoltre si dà la possibilità ai lavoratori espulsi dal processo produttivo di essere avviati in percorsi integrati di formazione.  Essi consistono in un tirocinio formativo, all'interno degli Uffici giudiziari, finalizzato alla creazione di un contatto diretto tra il tirocinante ed il contesto lavorativo e in un percorso di assegnazione in attività socialmente utili presso gli Uffici giudiziari del distretto della Corte di Appello di L’Aquila.  I destinatari del progetto sono i lavoratori residenti nella Regione Abruzzo, percettori di indennità di mobilità ordinaria o in deroga, in possesso requisiti professionali compatibili con le attività da svolgere. Ai lavoratori utilizzati in attività socialmente utili, già percettori dell'indennità di mobilità ordinaria o in deroga, viene riconosciuta e corrisposta, dalle Amministrazioni Provinciali un'ulteriore indennità mensile pari a 500 per l'avvio in tirocini formativi.

14/07/2011 16.27