Concluso primo invaso diga di Chiauci, «estate senza crisi idrica»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1756

Concluso primo invaso diga di Chiauci, «estate senza crisi idrica»
ABRUZZO. «I lavori di invaso alla Diga di Chiauci procedono alla perfezione e soprattutto rispettando la tabella di marcia».

Questo il commento dell'assessore alle Politiche agricole, Mauro Febbo, dopo un incontro informativo sullo stato dell'avanzamento dei lavori avuto con gli ingegneri responsabili della Diga di Chiauci e con il presidente del Consorzio di Bonifica Sud Fabrizio Marchetti. «A fine giugno, infatti, - spiega l'assessore - si doveva concludere la prima fase di invaso. Questo primo importante obiettivo, come promesso in occasione della storica inaugurazione svoltasi ad aprile scorso, è stato raggiunto con il riempimento di quasi un terzo dell'intera capienza del bacino (pari a circa 2 milioni e mezzo di metri cubi d'acqua e raggiungendo 773 metri s.l.m.), che potranno già essere utilizzati nel corso della prossima estate».

Un primo ed importante risultato è stato dunque centrato poichè da oggi l'infrastruttura sarà di fatto operativa, consentendo ai territori del Basso Abruzzo e dell'Alto Molise, non appena ne faranno richiesta, di sconfiggere definitivamente la crisi irrigua.

«Non è più sopportabile - rimarca l'assessore alle Politiche agricole - ciò che è avvenuto per decenni in questi territori dove, a causa della siccità, vi sono stati gravi danni e pesanti disagi nelle aree industriali ed agricole».

In autunno prenderà il via, invece, la seconda fase d'invaso, con oltre 9 milioni di metri cubi destinati all'utilizzo dal 2012.

Si arriverà all'ultimazione totale entro il maggio del 2013, data a partire dalla quale l'intera capienza dell'invaso, circa 14 milioni di metri cubi d'acqua, diventerà periodicamente disponibile.

Il costo complessivo dell'opera ammonta a 124 milioni di euro, di cui 75 milioni provenienti dai Fondi ex Agensud.

04/07/2011 11.58