Scuola, tagli Ata: cancellati 819 posti in tre anni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2122

ABRUZZO. La scuola abruzzese ed in particolare quella della provincia di Chieti messa in ginocchio dai tagli del personale Ata (amministrativo, tecnico, ausiliario).

In tre anni sono stati tagliati in Abruzzo 819 posti, conferma Davide Desiati, Cisl Scuola Chieti. «L'effetto é l'estrema difficoltà degli uffici amministrativi a fronte di un forte aumento di nuovo

lavoro, il mancato utilizzo di laboratori costati centinaia di migliaia di euro alla collettività e addirittura la presenza di un solo collaboratore scolastico per plesso (indipendentemente dal numero di alunni, dalla complessità del plesso, dalla presenza di alunni con handicap e dagli orari di servizio)».

All'interno delle difficoltà della scuola italiana e di quella abruzzese, per la scuola della provincia di Chieti oltre al danno arriva la beffa.

Infatti, analizzando la tabella con i dati forniti dall'Ufficio Scolastico Regionale, si nota che la ripartizione dei tagli non é stata equa tra le province abruzzesi. «La penalizzazione per la provincia di Chieti», spiega Desiati, «é ancora maggiore se si tiene conto che da anni é stato attuato un corretto processo di dimensionamento delle istituzioni scolastiche a differenza di altre province,

soprattutto della provincia di L'Aquila che per il prossimo anno avrà 10 scuole in meno e conserverà ancora scuole fortemente sottodimensionate». Guardando i numeri nell'ultimo triennio Chieti ha dovuto dire addio a 294 elementi, L'Aquila a 275, Teramo 152 e Pescara 97.

La CISL Scuola di Chieti e le altre organizzazioni sindacali della scuola hanno fortemente contestato queste scelte dell'Ufficio Scolastico Regionale ed hanno concordato l'avvio di una mobilitazione del personale della scuola.

«E' comunque necessario», sottolinea ancora Desiati, «l'intervento degli amministratori e dei rappresentanti politici a tutela della sopravvivenza e della qualità della scuola di Chieti, oltre che delle centinaia di posti di lavoro».

 

tagli personale ATA

 

04/07/2011 9.03