Porti d'Abruzzo, Febbo: «ci sono soldi per tutti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4456

ABRUZZO. Il piano regionale di programmazione per i porti abruzzesi prevede finanziamenti anche per gli scali portuali di Vasto e Giulianova.

Lo precisa l'assessore ai Trasporti, Mauro Febbo, dopo le notizie trapelate negli ultimi giorni che indicavano nei soli porti di Pescara e Ortona una specifica programmazione della Regione Abruzzo. La programmazione è prevista nella legge regionale del 2010 che per i quattro porti, che nella legge vengono peraltro menzionati, istituisce un capitolo di bilancio di 11,5 milioni di euro derivanti dai Fondi per le aree sottoutilizzate 2007-2013.

«Mi sembra – aggiunge l'assessore – che il percorso intrapreso sia chiaro e che per rendere operativo tale programma è necessario attendere l'esame da parte del ministero dell'Economia della nostra proposta di Par-Fas nella quale sono compresi i fondi per i porti abruzzesi».

In questo senso, l'assessore ai Trasporti spiega poi i singoli interventi previsti nella programmazione.

Per Giulianova sarà realizzata una nuova banchina per flotta peschereccia e un molo di protezione a nord. Il costo dell'intervento ammonta a 4,5 milioni di euro a carico del programma Par-Fas.

Per Ortona l'assessore ha confermato l'intervento sui fondali per un progetto della durata di 36 mesi. Anche in questo caso, l'investimento «è totalmente finanziato nel Par-Fas».

Per Pescara, «sono attualmente in atto lavori di dragaggio di 2000 mc che sono finanziati dalla Regione, mentre il provveditorato delle Opere pubbliche ha previsto altre risorse per circa 2 milioni di euro. Si tratta, come ho già detto, di fondi non sufficienti a coprire il quantitativo di materiale da dragare, ma su questo fronte abbiamo avviato un confronto con il Governo».

Infine, il porto di Vasto, considerato porto di rilevanza regionale che attualmente svolge una pluralità di funzioni legate al traffico industriale e commerciale. Per Vasto è in corso di approvazione il Piano regolatore portuale che prevede la realizzazione di opere interne. «Nei mesi scorsi – precisa l'assessore – sono stati stanziati nel Par-Fas fondi per 2 milioni di euro per le operazioni di dragaggio».

30/04/2011 11.21