RICOSTRUZIONE

Ecco quanto costerà ristrutturare i palazzi della Regione

I danni post sisma alle strutture regionali ammontano a quasi 25 mln

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2795

palazzo Centi

palazzo Centi

L’AQUILA. Sono ventiquattro milioni ed ottocentocinquanta mila euro.

Tanto ci vorrà per risistemare i palazzi della Regione Abruzzo danneggiati dal terremoto del 6 aprile 2009.
La giunta regionale ha già approvato un piano di interventi ed il cronoprogramma.
Alcuni lavori sono già in corso, altri in attesa di progettazione. A tre anni e mezzo dal sisma il punto è questo. Impossibile dire le ragioni per cui si sia atteso così tanto tempo prima di immaginare le opere necessarie e realizzarle.

Ad essere interessato dalle opere palazzo Silone, sede degli uffici regionali. La stima dei danni è pari a 750mila euro, c'è poi palazzo Centi, sempre sede degli uffici regionali (i danni qui ammontano a 6 mln di euro e la progettazione è in corso a cura del Provveditorato Interregionale); e ancora, palazzo dei Lavori pubblici in via San Bernardino e sede di uffici regionali e statali (i danni stimati sono pari a 1mln e 780mila euro, ed il tempo di esecuzione dei lavori, di cui si sta occupando il Provveditorato Interregionale, è di 365 giorni); palazzo Dragonetti, sede degli uffici della Regione e degli uffici Rai (i danni sono pari a 4 mln e 220mila euro. L’opera è in attesa di un incarico di progettazione e servirà la costituzione di un consorzio per i lavori); palazzo ex Inapli (3 mln e 650 mila euro di danni ed in attesa di un incarico di progettazione).
Seguono il vivaio Mammarella, un fabbricato a servizio di vivaio ed uffici (per la struttura, i cui danni ammontano ad 1 mln e 720 mila euro, è in corso una gara d’appalto per interventi sul capannone); l’ Ex G.I. femminile (850 mila euro di danni per una spesa complessiva di 1mln e 900 mila euro ed agibile da dicembre 2011); Palazzo Seli, sede di uffici universitari (per 2mln 920mila euro di danni ) ed in attesa di un incarico progettazione; casetta ex G.I. (sede dell’associazione nazionale Alpini per 160 mila euro di danni ed ancora in attesa di incarico di progettazione); mensa universitaria Roio (70mila euro di danni e l’ iniziativa è a cura dell’Azienda per il diritto allo studio de L’Aquila) e la mensa universitaria di Coppito (2mln e 730 mila euro di danni stimati).
Secondo l’ordine indicato dalla Regione bisognerà sistemare prima gli uffici regionali più importanti. Si partirà da palazzo Centi, presidenza della Giunta regionale con un progetto in corso, per poi passare alla mensa universitaria di Coppito, a quella di Roio, al vivaio Mammarella, al palazzo ex Inapli, al palazzo Dragonetti, al palazzo Selli, ed infine alla casetta Parco del Sole che verrà dismessa in favore del Comune de L’Aquila.