SANITA'

Inaugurazione politica dei reparti del San Salvatore. Pezzopane: «funzionava già tutto»

Il manager Asl conferma: «vado via per raggiunti limiti di età»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1870

Inaugurazione politica dei reparti del San Salvatore. Pezzopane: «funzionava già tutto»
L'AQUILA. Inaugurazione con strascico polemico quella di stamattina a L’Aquila.


Il direttore generale della Asl Avezzano Sulmona L’Aquila, Giancarlo Silveri, insieme al presidente Gianni Chiodi, ha partecipato alla cerimonia di riconsegna delle strutture di Anatomia patologica, Obitorio e Farmacia e all'inaugurazione dei nuovi locali di Malattie infettive e dell'Unità di preparazione dei farmaci antiblastici (Ufa). I reparti riconsegnati presentano novità importanti, come il fibroscan, apparecchio che consente di misurare la rigidità del fegato nei pazienti affetti da epatopatie croniche.
«Entro il 2013», ha garantito Silveri, «l'intero ospedale della città tornerà alla piena funzionalità dopo i problemi conseguenti al terremoto del 2009».
Nel primo semestre 2012 sono stati 11 mila i ricoveri e 4 mila gli interventi chirurgici, circa un milione le cure ambulatoriali.
A margine della cerimonia, Silveri ha confermato che lascerà la guida della Asl per raggiunti limiti di età: «E' la mia ultima inaugurazione, a ottobre vado via». Nessun accenno, invece, all'inchiesta della Procura dell'Aquila che vede indagato Silveri insieme ad altre nove persone per un appalto sulla fornitura di protesi e altro materiale ortopedico, secondo i magistrati illegittimamente passato da 2,5 a 15 milioni di euro.
«Silveri lascia e si candiderà», commenta l’assessore comunale Stefania Pezzopane secondo la quale la conferenza stampa di oggi «è una strana coincidenza all’indomani di un’inchiesta della magistratura».
Ancora più strana se si pensa che i reparti «pomposamente presentati», insiste l’ex presidente della Provincia, «erano già funzionanti da mesi».
L’assessore non comprende l’enfasi del direttore della Asl Silveri e del presidente della Regione Chiodi «che sembravano ormai in piena campagna elettorale».
«Lo stesso Silveri ha dichiarato, buttandola lì», sostiene ancora Pezzopane, «che questa sarà probabilmente l’ultima inaugurazione alla quale presenzierà in questa veste, annunciando subito dopo la sua intenzione di candidarsi alle prossime elezioni politiche».

L’enfasi della conferenza stampa è, per Pezzopane «ancora più incomprensibile se si considera che tutti questi reparti erano già funzionanti alla data dal sisma e che dunque siamo ancora in una fase di recupero delle strutture preesistenti danneggiate dal terremoto. Un recupero che arriva, finalmente, dopo ben tre anni e mezzo e con alcuni ovvi miglioramenti tecnologici e funzionali. Insomma, viene presentata in pompa magna la ricostruzione ordinaria di strutture che andavano recuperate molto prima».
Chiodi ha focalizzato l’attenzione sulla «forte concentrazione di specialità e di competenze di eccellenza che sta diventando il punto di riferimento di una vasta utenza anche da fuori regione. Significativo, infatti, è il dato che indica che in Abruzzo il numero dei pazienti che arrivano da altre regioni è in costante aumento mentre sono diminuiti i pazienti che decidono di curarsi fuori. Dai dati in nostro possesso emerge anche che il numero dei ricoveri ospedalieri all'Aquila è tornato ai livelli pre-sisma».