NUOVE NORME

Statuto regionale: Pagano deposita progetto di modifica

Diminuzione del numero di consiglieri e assessori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

987

Nazario Pagano

Nazario Pagano

ABRUZZO. Riduzione del numero dei consiglieri e assessori regionali, istituzione del Garante dei diritti e degli interessi e del Collegio dei revisori dei conti.

Sono gli aspetti principali del progetto di legge di modifica dello Statuto regionale, depositato giovedì mattina dal presidente del Consiglio Nazario Pagano. La proposta di Pagano – che si compone di 7 articoli – prevede la riduzione del numero dei consiglieri dagli attuali 45 a 31 (29 membri, il presidente della Giunta e il candidato presidente più votato tra i non eletti) e del numero degli assessori da 10 a 6.
Al “Garante dei diritti e degli interessi” verranno trasferite le funzioni oggi svolte dal Difensore Civico e dall’Osservatorio dei Diritti. Tutta la gestione finanziaria ed economica della Regione sarà poi sottoposta alla vigilanza del Collegio dei revisori dei Conti.
«La grave situazione economico-finanziaria che sta attraversando il nostro Paese – sottolinea Pagano – ha imposto che le Regioni si impegnassero attivamente nelle politiche di contenimento dei costi, anche se spesso non vengono adeguatamente coinvolte dal Governo nelle scelte che riguardano i tagli. L’Abruzzo ha anticipato già da tempo misure volte al risparmio e all’ottimizzazione delle risorse prevista dalla normativa nazionale, riducendo a esempio le indennità dei consiglieri regionali (che sono pari al 55 per cento di quelle dei parlamentari, ndr) e introducendo una serie di misure sanzionatorie volte a legare il trattamento economico all’effettiva partecipazione ai lavori consiliari. Siamo stati tra la prime Regioni italiane ad abolire i vitalizi e queste modifiche allo Statuto proseguono quel percorso virtuoso che abbiamo intrapreso in questa legislatura, per dare un messaggio serio ai cittadini abruzzesi della nostra ferma volontà di contribuire concretamente alla spending review».