ALLARME SERVIZI

Fondi per il sociale: la Regione è in debito con i Comuni

L’allarme dei sindacati: «preoccupati per il silenzio tombale della Regione»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1052

Fondi per il sociale: la Regione è in debito con i Comuni
ABRUZZO. La Regione Abruzzo non ha erogato ai Comuni i fondi previsti per il sociale. I Comuni hanno anticipato di tasca loro.

 La Regione ad oggi è inadempiente.
E’ il quadro delineato dai sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil Abruzzo. Le sigle hanno chiesto un incontro con i vertici regionali già lo scorso luglio, incassando picche.
Sono numerosi i Comuni e gli Enti d’Ambito che si sono già rivolti ai tribunali competenti per ottenere decreti ingiuntivi a carico della Regione Abruzzo, e l'ottenimento del pignoramento dei beni dell'Ente.
«I fondi previsti per le politiche sociali, già in diminuzione costante negli anni, non sono stati integralmente erogati dalla Regione ai Comuni a partire dal 2009 e nella gran parte per gli anni 2010 , 2011», hanno detto i sindacati, «fino ad arrivare all'anno corrente costringendo gli Enti nei vari territori ad anticipare le risorse, per poter rispondere ai bisogni delle persone e garantire i servizi e in particolare le emergenze e le urgenze, che la crisi complessiva ha aggravato».
Quello che le sigle tornano a chiedere è un incontro con la Giunta regionale. Vogliono conoscere l’importo esatto di tutti i crediti vantati dagli Enti d'Ambito a partire dagli stanziamenti previsti per il 2009; chiedono l’istituzione del fondo sociale regionale, nell'ambito della definizione della legge regionale di riordino del Welfare predisposta sin dal marzo scorso e non ancora discussa con le parti sociali; la destinazione dei 10 milioni risultanti dall'addizionale sul bollo auto (tuttora inutilizzati come risulta dall'incontro col Governo al tavolo di monitoraggio del 23 luglio scorso) alle politiche sociali e della non autosufficienza.
Le sigle hanno anche annunciato una campagna di informazione e di mobilitazione dei pensionati e degli anziani.