SCUOLA

Addio gessetti e lavagne? Anche in Abruzzo sbarca la scuola digitale

In arrivo 1,4 milioni di euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1897

Addio gessetti e lavagne? Anche in Abruzzo sbarca la scuola digitale
ABRUZZO. Resterà solo un sogno o anche in Abruzzo si è pronti per lo scatto in avanti?

Solo il tempo potrà dirlo ma questa mattina un primo passo è stato fatto con la firma, a Roma, tra il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e i dirigenti dell'Assessorato all'Istruzione della Regione Abruzzo dell'accordo operativo per il Piano Nazionale Scuola Digitale.
Un progetto cofinanziato con fondi statali e risorse del Piano Operativo 2012/13 del Fondo Sociale Europeo per un totale di 1,4 milioni di euro. L'accordo prevede tre azioni specifiche: l'acquisto e l'utilizzo nelle classi abruzzesi di "LIM" (lavagne multimediali); il progetto "Cl@ssi 2.0" con il quale si formeranno gli insegnati all'utilizzo degli strumenti digitali, alla predisposizione di programmi che favoriscano l'utilizzo di materiale didattico digitale e all'utilizzo in classe dei tablet. Infine, viene finanziato il progetto "Scuole di montagna", per sperimentare innanzitutto negli Istituti che insistono nei territori montani le novità previste dall'accordo.

«I gessetti, le lavagne nere e i costosi libri di carta in molte nazioni sono andati già in soffitta per fare spazio ai tablet con contenuti didattici digitali e alle lavagne multimediali - afferma l'assessore Gatti - spero che, nel giro di pochi anni, anche le scuole abruzzesi potranno formare i bambini con un modello educativo che faccia entrare in aula l'era digitale. Viviamo una società altamente tecnologizzata e le classi delle scuole non devono restare l'ultima enclave che sfugge alla digitalizzazione. Con questo progetto, nel quale la Regione investe ben 750 mila euro del Fondo Sociale Europeo, vogliamo consentire alla scuola abruzzese di divenire una Istituzione capace di formare in modo contemporaneo alunni che ormai sono davvero dei "nativi digitali". Infine, con una forte e precisa scelta politica, abbiamo impegnato una considerevole parte delle risorse sulla linea di intervento "Scuole di montagna", perché vogliamo garantire, attraverso le tecnologie, la piena funzionalità delle scuole che operano nei territori montani, per rendere gli studenti di quelle classi formati e competenti come tutti i loro coetanei e pronti alle sfide della società moderna».