DISORDINE SUL RIORDINO

Riordino Province, verso la soluzione. Del Corvo: «ora voglio sentire tutti i sindaci»

Mercoledì prossimo penultima riunione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1917

Riordino Province, verso la soluzione. Del Corvo: «ora voglio sentire tutti i sindaci»
L’AQUILA. Organizzazioni sociali e capigruppo regionali a confronto, durante la seduta di ieri del Consiglio delle Autonomie Locali.

Il presidente Antonio Del Corvo, ha ascoltato singolarmente le proposte degli intervenuti.
Quattordici le parti sociali presenti alla riunione (Abi Abruzzo, Cia Abruzzo, Cgil Abruzzo, Cisl Abruzzo, Uil Abruzzo, Ugl Abruzzo, Cisal Abruzzo, Unioncamere Abruzzo, Confcommercio Abruzzo, Cna Abruzzo, Confindustria Abruzzo, Università di Teramo, Fira, Coldiretti Abruzzo) in molti casi in linea con il decreto del Governo Monti sul processo di "riordino" in atto che vede, ad oggi, la proposta di più ipotesi, tra cui l'eventuale accorpamento delle province di L'Aquila e Teramo e di Chieti con Pescara, realtà che si legano bene per delle evidenti ragioni territoriali, geografiche e culturali, in comune.
Molte le perplessità dei sindacati in ordine alla possibilità di unione delle province di Pescara, Teramo e Chieti, mantenendo inalterata quella dell'Aquila. Si è sottolineata l'importanza del ruolo dei comuni, tanto da eliminare tutte le amministrazioni provinciali per trasferire alcune delle competenze, proprio alle amministrazioni comunali delle città capoluogo e, anche, la possibilità di fusioni dei comuni più piccoli con quelli più grandi.
È emersa la necessità della Regione Abruzzo, di ritrovare il suo compito di Programmazione e non di gestione.
Si è fatta decisamente più concreta la proposta di dividere il territorio regionale in due province L'Aquila-Teramo e Chieti-Pescara, ma il dibattito si è fatto ancor più interessante anche quando si è paventata l'ipotesi di guardare all'Europa, considerando un unico grande territorio regionale che unisca l'Abruzzo, le Marche e il Molise.
«Una seduta che ha offerto svariate sfumature di riflessione, grazie agli interventi delle parti sociali e degli esponenti regionali al Consiglio - ha dichiarato il presidente del Cal Antonio Del Corvo - tra cui la rilevanza della ridistribuzione delle competenze come quella del lavoro. Arriveremo ad una nostra proposta, anche se sarà approvata a maggioranza. Per questo, accolgo con favore la richiesta di avere in udienza, nella prossima seduta prevista per mercoledì 19 settembre, i sindaci di tutti i comuni abruzzesi, dai 10.000 abitanti in su, per dare voce anche a dei protagonisti importanti per questo riforma, anche se, vorrei ricordare, già un mese fa, scrissi proprio ai primi cittadini, per invitarli ad inviare le loro proposte entro il 7 settembre».