DISSERVIZI

Emergenza acqua, disagi e interruzioni idriche a Montesilvano, Vasto, Pescara e Chieti

Giorni difficili, segnalazioni aumentano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2843

Emergenza acqua, disagi e interruzioni idriche a Montesilvano, Vasto, Pescara e Chieti
ABRUZZO. Non scemano i disagi legati alla scarsa erogazione dell’acqua in molte zone della regione. Le chiusure notturne già imposte in molte zone del Pescarese sembrano non avere effetti benefici.

Anche nella zona del teramano dove la Ruzzo Reti ha invitato i sindaci ad emanare ordinanza con sanzioni pesanti a chi utilizza l’acqua potabile per usi diversi da quello domestico non sembra andare meglio.
Piccoli e grandi disagi che si ripetono nell’estate torrida abruzzese che si affolla di turisti ma meglio di così non si riesce proprio a fare.
Continuano ad arrivare segnalazioni al nostro indirizzo di posta e sulla nostra pagina Facebook di cittadini che lamentano disagi per la mancanza di acqua.
E’ il caso di Atri, contrada Cona, dove i residenti denunciano la mancanza di acqua da 4 giorni e nonostante i numerosi reclami pare siano arrivati solo un metro cubo di acqua e «tante giustificazioni banali e insignificanti».
Già perchè oltre al disagio vero e proprio per non poter fruire dell’acqua corrente si aggiunge la rabbia di non riuscire a dialogare direttamene con personale qualificato dal quale si pretende una risposta chiara ed una soluzione in tempi brevi.
«In questa via passano due condutture di acqua», raccontano a PrimaDaNoi.it alcuni residenti, «una vecchia, dove siamo allacciati noi, con un piccolo tubo da un pollice, e l’altra nuova per pochi fortunati. Per lavarci e cucinare siamo costretti a comprare bottiglie di acqua minerale, inoltre usiamo l’acqua dei pozzi non potabile dei vicini per i servizi igienici».

E ieri sera dopo l’ennesima segnalazione al call-center dell’Aca 800.800.838, l’operatore ha confermato ulteriormente di essere a conoscenza dei problemi e che l’acqua sarebbe ritornata oggi 25 giugno salvo problemi alla conduttura.
Ma forse in questa segnalazione la scarsità delle fonti c’entra poco, secondo i residenti si tratta di gestione amministrativa non ottimale visto che –secondo loro- basterebbe agevolare anche il loro allaccio alla nuova e più potente conduttura.
Problemi diffusi e a macchia di leopardo anche a Vasto dove in molti lamentano la carenza di acqua corrente. Chi più chi meno deve fare i conti con la poca pressione e la sgradita sorpresa magari di ritorno dal mare, senza potersi lavare.
Chi possiede un’ autoclave, una cisterna o un proprio serbatoio ha qualche ora di autonomia in più e riesce ad attutire i disagi, gli altri invece devono per forza ricorrere alle taniche.
Segnalazioni arrivano anche da Pescara e nelle zone alte del Chietino.
Situazione critica anche nella zona di Villa Carmine a Montesilvano dove come ogni estate si ripropongono i vecchi problemi. L’acqua arriva solo di notte e non basta per il giorno successivo. Anche in questo caso l’ira dei residenti viaggia di pari passo con il fastidio di non riuscire a capire per quale motivo, anche dopo i lavori dichiarati dall’Aca per un presunto potenziamento delle pompe nella zona, anche nel 2012 ci sono i problemi di sempre. Segnalazioni e proteste sono arrivate anche in Comune all’indirizzo del neo sindaco Attilio Di Mattia.

Da Casalincontrada invece segnalano che gli orari delle chiusure notturne non siano stati rispettati.
«Nel caso di Casalincontrada», spiega Sergio Montanaro di Casale Futuro, «sarebbero dovuti essere il martedì ed il giovedì. Quindi come possono avvenire chiusure negli altri giorni? Ancor più fastidioso è quanto segnalatoci da molti utenti:il silenzio all’altro capo della cornetta telefonica quantunque si chiamino i numeri indicati dall’ACA stessa come numeri di riferimento per avere informazioni. Grave appare questa emergenza inspiegabile agli occhi di noi utenti ancor più dopo le note vicende giudiziarie e le intercettazioni diffuse sull’inchiesta Ato che hanno svelato il modo di costruire la dirigenza degli enti che dovrebbero garantire la qualità del servizio».



*PROTESTE E DISAGI: SEGNALATECI I VOSTRI PROBLEMI LEGATI ALLA MANCANZA DI ACQUA