ECONOMIA

Crisi, Cisl Abruzzo: «situazione drammatica, servono misure urgenti»

Aumentata cassa integrazione guadagni in deroga

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3564

Crisi, Cisl Abruzzo: «situazione drammatica, servono misure urgenti»
ABRUZZO. «La situazione economica abruzzese è drammatica: tutti gli indicatori, ad eccezione dell'export, dimostrano come la nostra regione sia in piena fase recessiva. E' necessario porre grande attenzione nell'alimentare la fiaccola della fiducia».

Ne è convinto il segretario della Cisl Abruzzo, Maurizio Spina, che, nel corso di una conferenza stampa a Pescara, questa mattina ha analizzato, assieme all'economista Giuseppe Mauro, la situazione della regione, avanzando una serie di proposte. In particolare, il sindacalista, sottolineando la necessità di un «impegno straordinario», ha illustrato le iniziative che a suo parere andrebbero portate avanti in tempi rapidi: «una riunione straordinaria del Patto per lo sviluppo - ha detto - per chiarire quali siano le risorse comunitarie e dei fondi Fas disponibili ed i relativi tempi di attivazione».
«E' necessario attivare un'azione comune con i parlamentari - ha aggiunto Spina - per la modifica dei decreti sullo sblocco dei crediti della pubblica amministrazione. Andrebbe inoltre istituita una 'task-force' per l'apertura dei cantieri all'Aquila con il ministro Barca, prevedendo l'attivazione delle risorse 'de minimis' per le piccole e medie imprese. E' fondamentale - ha proseguito - adottare un programma straordinario per l'occupazione, a partire da quella giovanile, attraverso l'apprendistato, con incentivi alle imprese anche dagli enti locali».
Spina ha inoltre sottolineato la necessità di «sostenere i Poli di innovazione», di «potenziare le Reti d'impresa», di «procedere sulla strada delle riforme» e di promuovere la lotta agli sprechi, alle inefficienze e all'evasione fiscale.
«Dobbiamo necessariamente costruire le priorità del sistema - ha aggiunto l'economista Mauro - verificare le risorse a disposizione e capire quali siano le vere aree di crisi. Le prospettive sono due: internazionalizzazione e capitale umano. Nell'immediato c'é l'esigenza di allentare la morsa del pessimismo. Immettere sul mercato tutte le risorse disponibili significherebbe allentare l'emarginazione delle imprese. E' inoltre necessario creare un circolo virtuoso con il sistema bancario - ha concluso Mauro -, potenziando i confidi».

CISL ABRUZZO ECONMIA 2012