ENOGASTRONOMIA

Sabato e domenica 41 cantine aperte in tutto Abruzzo

L’iniziativa sostiene il Mario Negri Sud

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5188

 Sabato e domenica 41 cantine aperte in tutto Abruzzo
ABRUZZO. ‘Cantine aperte’, in programma per il 26 e il 27 maggio, sosterrà quest'anno il Mario Negri Sud, centro di ricerche biomediche e farmacologiche.

«C'è un nesso sostanziale - ha dichiarato l'assessore all'Agricoltura, Mauro Febbo - tra la ricerca è il vino, atteso che insieme ad un sano regime alimentare e motorio ha effetti protettivi sulla salute, piu' di un farmaco cardiovascolare». Sulle qualità del vino è anche intervenuto, Gianni Tognoni, direttore del Centro, che ha fatto riferimento ad una ricerca condotta su un campione di 12 mila soggetti sugli effetti della sana alimentazione sulla salute. «Dobbiamo ribaltare la percezione del vino come fattore di rischio, anzi se usato nell'ambito di un regime alimentare sano ed equilibrato è un protettivo del sistema cardiocircolatorio».
Sono 41 le cantine che apriranno i loro spazi ai visitarori nelle quattro province. «Quest'anno il nostro invito è stato rivolto anche a 1000 tra ristoratori e albergatori affinchè si promuova la conoscenza della produzione vitivinicola abruzzese che è anche e soprattutto conoscenza del territorio».
Come già lo scorso anno, con l'acquisto di un bicchiere di vetro e della sacchetta personalizzata al costo di 5 euro, i visitatori potranno avere accesso alle degustazioni in tutte le cantine per le due giornate. Istituendo il progetto “Un sorso di salute” si è però pensato, per la prima volta, di destinare parte del ricavato agli investimenti nella ricerca del Consorzio di Santa Maria Imbaro, noto centro di ricerche biomediche e farmacologiche senza scopo di lucro, costituito nel 1980 con l'obiettivo di promuovere iniziative di ricerca per la salvaguardia della salute umana e dell'ambiente.
Quanto ai programmi organizzati dalle singole cantine, come di consueto, alle tante degustazioni di vini e di prodotti tipici, si affiancheranno anche pranzi, cene, mostre d'arte, esibizioni di ballo, intrattenimenti musicali e concorsi di ogni genere, e ancora passeggiate in bici o in jeep scoperta; non mancheranno infine le iniziative dedicate ai più piccini, come passeggiate in pony o specifiche aree a loro dedicate.
«In un periodo di crisi come quello attuale è fondamentale che i produttori si mettano insieme ed uniscano le forze - ha dichiarato il presidente del Movimento Turismo del Vino Abruzzo Nicola D’Auria – solo così, è grazie al sostegno delle Istituzioni, si possono ottenere risultati importanti per promuoversi fuori regione e all’estero».