TRASPARENZA

Chiodi: «abbiamo tagliato le consulenze» ma sul sito i dati non sono aggiornati

«Abbiamo mantenute le promesse»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2002

Chiodi: «abbiamo tagliato le consulenze» ma sul sito i dati non sono aggiornati
ABRUZZO. Nell’ultimo scorcio di campagna elettorale per “occupare” il capoluogo di regione il pluricommissario e presidente della Regione, Gianni Chiodi, tenta al volata sfruttando tutte le platee possibili.

E c’è chi si ribella come il deputato Pd Giovani Lolli che ha contestato l’intervento a gamba tesa di Chiodi nella campagna elettorale.
Tra le tante cose dette dal governatore ieri ci sono anche gli spot dedicati ad un tema che va per la maggiore: i costi della politica.
Impossibile non citare la spending review di montiana impostazione e così Chiodi si elogia attribuendosi meriti che per ora bisogna accettare sulla fiducia visto che sul sito istituzionale i dati sono aggiornati alla prima metà del 2011.
«Abbiamo mantenuto la promessa», ha rimarcato il capo dell'Esecutivo regionale, «anche abbattendo i costi della politica. Abbiamo eliminato il vitalizio dei Consiglieri regionali dopo aver ridotto le indennità (oggi tra le più basse d'Italia), cancellato circa 250 poltrone "ad uso della politica" di enti ed agenzie regionali, tagliato i compensi ai componenti dei consigli di amministrazione; ridotto il numero dei dipendenti regionali, assorbito le Agenzie regionali Arssa, Aptr, Abruzzo Lavoro, ridotto i Consorzi fidi da settantotto ad una decina; eliminato le Comunità montane al livello del mare; accorpato le IPAB da 110 a 8, da 200 membri dei CdA a circa 20, messo in liquidazione società ed enti in deficit: SIR (società di ingegneria regionale), ARET (agenzia regionale per il territorio), Abruzzo Engeenering, etc. La spesa dei collaboratori esterni (co.co.co.) dal 2008 al 2011 è stata dimezzata. Insomma, con il riordino del sistema sanitario regionale, i tagli degli enti strumentali e la riduzione del debito l'Abruzzo può considerarsi ormai una regione virtuosa. Siamo passati, da regione "canaglia" come ai tempi dei bilanci gonfiati dalle politiche clientelari, ad un sistema come quello delle regioni che i bilanci sanno tenerli in ordine. Un'eredità che abbiamo dovuto gestite con determinazione e rigore».
Ora sarà anche il caso di pubblicare i dati aggiornati degli ultimi 12 mesi circa collaborazioni, consulenze, incarichi, emolumenti e tutta la documentazione ulteriore che riguarda l’ente Regione e tutte le società partecipate che utilizzano soldi pubblici della Regione.

*** IL SITO DELLE CONSULENZE DELLA REGIONE