AMBIENTE

Riperimetrazione della riserva. Il Borsacchio rischia ancora

Il maggio pericolo per l'aerea verde per ora è i lconsiglio regionale. Al vaglio tre proposte di legge

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1374

Berardo Rabuffo

Berardo Rabuffo

L’AQUILA. La Riserva naturale del Borsacchio sarà oggetto domani di un ennesimo esame in consiglio regionale.

L'assemblea si troverà ad analizzare il progetto di legge presentato dal consigliere di Fli Berardo Rabuffo e fatto proprio dalla maggioranza di centrodestra della 2^ Commissione presieduta dal consigliere Luca Ricciuti. Il documento prevede la “Revisione e la riperimetrazione” dei confini della Riserva Naturale Guidata Borsacchio attraverso la modifica dell'articolo 69 della L.R. 8 febbraio 2005, n. 6 che istituisce la stessa area. Nell'ordine del giorno della stessa seduta, al punto 3 è stato inserito il progetto di legge presentato dal Capo-Gruppo del Pdl Lanfranco Venturoni che invece prevede, la abrogazione della Riserva.
All’incontro parteciperà anche una rappresentanza di comitati ed associazioni favorevoli all’area protetta che consegnerà ai consiglieri regionali la nota a firma dei Professori Giovanni Pacioni, ordinario di Biologia Vegetale Ambientale ed Applicata, e Gianfranco Pirone, ordinario di Ecologia Vegetale, dell’Università degli Studi de L’Aquila che dimostra la grande valenza ambientale e naturalistica dell’area che si vorrebbe tagliare o cancellare.
Tutto questo, hanno sottolineato Wwf, Italia Nostra, Comitato Abrzzese per la Difesa dei Beni Comuni ed il Comitato per la Riserva Naturale del Borsacchio, «dopo che sono già stati spesi 230.000 euro di fondi regionali per un Piano di Assetto Naturalistico mai approvato».
La questione sulla riperimetrazione della Riserva si trascina da anni. Sul piatto ci sono tre proposte di legge: due che ne chiedono la riduzione (presentate da Rabbuffo di FLI e da Ruffini del PD) ed una che chiede la completa cancellazione (presentata da Venturoni del PDL).
Il timore di molti è che con la riperimetrazione si possano liberare aree per edificazione e costruzioni.