SEVEL

Sevel, Fiom in attesa per elezioni Rsa e sentenza. E intanto prepara la lista

Piovono le critiche su sindacati e vertici

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2396

Sevel, Fiom in attesa per elezioni Rsa e sentenza. E intanto prepara la lista
ATESSA. Le elezioni delle rappresentanze sindacali in casa Sevel e la pronuncia del Tribunale sul ricorso presentato dal sindacato potrebbero coincidere. La Fiom Cgil non sta a guardare ed aspetta, operosa, il verdetto sulla presunta condotta antisindacale di Sevel per aver negato efficacia e legittimità delle

14 nomine Rsa Fiom nell'unità produttiva di Atessa. In questi giorni il direttivo della Fiom Sevel si è riunito alla presenza del coordinatore nazionale Fiom del settore auto Giorgio Airaudo per approvare la lista Fiom che parteciperà alle prossime elezioni della Rsa nello stabilimento Sevel.
La lista, ha precisato la sigla, «è stata presentata con congruo anticipo sulla scadenza delle ore 24 del 2 aprile 2012». Il sindacato è ritornato sui temi caldi: il tanto contestato articolo 18 ritenuto «sbagliato e pericoloso per le lavoratrici e i lavoratori», contro il quale la Cgil ha indetto 16 ore di sciopero (su 2 turni con una partecipazione straordinaria delle lavoratrici e dei lavoratori). Non sono mancate critiche rivolte ai sindacati che hanno firmato il contratto vergogna del 1 gennaio 2012 e quindi legittimati a rappresentare i lavoratori.
Si sono accodati allo sciopero, ha dichiarato Fiom, «anche se alla manifestazione esterna nessuno li ha visti. Tra l’altro è molto strano che lo sciopero lo abbiano dichiarato nel nostro stabilimento mentre nelle altre aziende del territorio che hanno scioperato con la Cgil con gli stessi orari e modalità di Sevel sono rimasti tranquillamente a lavorare. Ci viene il fondato sospetto che questa decisione in Sevel sia stata presa da questi altri soggetti sindacali solo per vendere fumo proprio in vista del rinnovo dei rappresentanti sindacali».
Tra le richieste, Fiom ha auspicato l’ immediata convocazione di un’assemblea retribuita che ad oggi nell’anno 2012, non si è mai tenuta.
«Non era mai accaduto», ha detto la sigla, «che ad oltre la metà del mese di aprile non si sia ancora utilizzata un’ora delle 10 ore di assemblea retribuite di cui parte assegnate anche ad organizzazioni sindacali che non rappresentano nemmeno il 2% delle maestranze del nostro stabilimento».
Il timore di Fiom è che i sindacati convochino l’ assemblea retribuita a ridosso delle elezioni per sventolare «i meriti dei tanti accordi sottoscritti come l’ utilizzo dei Par per coprire le fermate produttive, gli aumenti salariali derivanti dal nuovo contratto, le migliorate condizioni di lavoro con l’applicazione dell’Ergo-Was».
Il 5 marzo scorso la Fiom-Cgil di Chieti ha depositato al giudice del lavoro del tribunale di Lanciano un ricorso contro la presunta «condotta antisindacale di Sevel per aver negato efficacia e legittimità delle 14 nomine Rsa Fiom nell'unità produttiva di Atessa».
Il 6 marzo scorso le segreterie nazionali delle altre organizzazioni sindacali hanno sottoscritto un documento in merito alle procedure per eleggere la Rsa-Rls (Rappresentanza Lavoratori per la Sicurezza) su tutti gli stabilimenti Fiat, quindi anche in Sevel.
Nel frattempo Fiom ha fatto appello a coloro che hanno sottoscritto il contratto del 13 dicembre scorso (Fim, Uilm, Fismic e Ugl) per «sospendere le elezioni delle rsa, in attesa del pronunciamento del giudice».
La sentenza sarà emessa dopo il 20 aprile dal giudice del lavoro del tribunale di Lanciano, Flavia Grilli ed entro il 20 aprile, Fiat e Fiom-Cgil, dovranno presentare le memorie difensive.