LA NOMINA

Consorzio Industriale di Avezzano: interrogazione sulla nomina di Petrucci

Caporale (Verdi): «E' il segretario di Castiglione. Deriva dell’ethos della democrazia».

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2282

Alfredo Castiglione

Alfredo Castiglione

ABRUZZO. Un componente della segreteria dell’assessore allo sviluppo economico (nonché vice presidente della giunta regionale) a capo di un consorzio industriale.

E’ capitato con il Decreto n. 91 del Presidente della Giunta regionale del 29 agosto 2011 on il quale è stato conferito, ai sensi del comma 12 dell’articolo 1 della L.R. 23/2011 (“Testo coordinato ed integrato della legge sui Consorzi per le aree ed i nuclei di sviluppo industriale”), l’incarico di Commissario per il Riordino presso il Consorzio per lo Sviluppo industriale di Avezzano al ragioniere Tiziano Petrucci.
Quest’ultimo è da anni membro dello staff dell’assessore Alfredo Castiglione.
Al Commissario incaricato si riconosce l’indennità prevista per il presidente del Consorzio medesimo. 
Il Presidente del Gruppo Verdi in Consiglio regionale, Walter Caporale, ha presentato una interrogazione a risposta immediata sulla nomina di Petrucci.
Nell’Interrogazione Caporale scrive: «tuttavia risulta che all’epoca dell’emanazione del Decreto in oggetto Petrucci fosse il responsabile dell’Ufficio di segreteria del vice presidente della Giunta regionale, Castiglione che è anche assessore allo sviluppo economico, tanto che in tale veste il Vice presidente della Giunta firma, con il Presidente della Giunta, il Decreto ‘estivo’ n. 91/2011».
Ora per l’esponente dei Verdi il problema che pone il conferimento di tale incarico «non è tanto quello relativo alla legittimità dell’Atto o alle qualità professionali del nominato, ma piuttosto quello relativo all’opportunità politica della scelta». Infatti per Caporale «questa ennesima nomina tutta interna al ceto politico si configura come una cartina di tornasole della deriva dell’ethos della democrazia che appare, soprattutto nella nostra Regione, dominata da impulsi irrefrenabili e dunque sempre più incontrollabile».