Codice della strada, divieto di bere alcolici per neo patentati

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1503

ROMA. Novità nel codice della strada: pene più costose per chi supera i limiti di velocità. Divieto assoluto di bere alcol prima di mettersi al volante per i neo patentati.



E' stato approvato al Senato questa mattina il nuovo disegno di legge con le modifiche al codice della strada.
Adesso la legge dovrà essere pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. Il giorno seguente (il 30 luglio) entreranno in vigore i primi 14.
Tra questi è previsto un aumento delle sanzioni per chi produce o commercializza minicar e ciclomotori che superano i 45 kmh (da 1000 a 4000 euro), per le officine che truccano i motocicli e le minicar (da 779 a 3119 euro), per chi li guida (da 389 a 1559 euro).
Stato ed enti locali si divideranno al 50 per cento gli introiti derivanti dalle multe, con la precisazione che entrambi i soggetti dovranno destinare la somma a finalità di sicurezza stradale.
Ai contravventori con un reddito annuo non superiore ai 15mila euro sarà concesso di poter pagare la multa a rate, ma solo se supera i 200 euro.
C'è inoltre l' obbligo delle cinture di sicurezza per le minicar; l'obbligo di guida con lenti anche per i ciclomotori; la penalizzazioni per la guida sotto l'influenza di alcol o droghe e divieto assoluto di bere anche solo un sorso di birra per i neopatentati (nei primi tre anni) e per gli autisti di tir e bus; la revoca della patente in caso di guida sotto l'influenza di alcol e droghe e licenziamento per giusta causa per chi subira' la revoca della patente professionale perchè ubriaco o sotto gli effetti della droga.
Gli altri articoli entreranno in vigore 15 giorni dopo la data della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
Si prevede che saranno nulle le multe non notificate entro 90 giorni (contro i 150 attuali), multe più care per l'eccesso di velocità. Chiunque supererà il limite di oltre 40 kmh ma di non oltre 60 kmh pagherà da euro 500 ad euro 2000 ed avrà la patente sospesa da uno a tre mesi.
Chiunque supererà il limite di oltre 60kmh paghera' da euro 779 ad euro 3119 ed avrà la patente sospesa da sei mesi ad un anno.
I diciassettenni potranno guidare se muniti di un patentino ed assistiti da un adulto.
La patente B sarà vietata fino a 19 anni se il minorenne verra' pizzicato alla guida dopo avere bevuto e sarà vietata fino a 21 anni se verrà pizzicato con un tasso alcolemico superiore a 0,5 grammi per litro.
Costerà più caro anche parlare al telefonino, non rispettare i pedoni che attraversano passando sulle strisce, invadere le soste riservate ai disabili, guidare sulle corsie preferenziali e non lasciare la strada a polizia e ambulanze. Ed inoltre è previsto il ritiro a vita della patente a chi abbia commesso per due volte un omicidio colposo causato dal mancato rispetto del codice della strada.
Sarà introdotta la "scatola nera" sulle auto, cioè il registratore delle manovre che consentira' di capire chi si è comportato bene e chi no. La sperimentazione inizierà entro l'estate su 500 auto, a Torino, Roma e Napoli. Similmente partirà la sperimentazione del "casco elettronico" per i motociclisti: in caso di incidente, consentirà di dare l'allarme e farsi localizzare.
Accantonato per il momento l'emendamento che esentava gli autisti delle auto blu dalla sottrazione di punti patente. La materia e' stata rinviata a un successivo intervento del governo. Accantonato anche il provvedimento sul divieto di fumo in auto.

28/07/2010 15.50