Aree demaniali fluviali: arriva la disciplina per rilascio concessioni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2749

L'AQUILA. La giunta regionale ha approvato il provvedimento riguardante gli indirizzi per il rilascio ed il rinnovo di concessioni di pertinenze idrauliche demaniali.



Si tratta di quelle aree adiacenti alle aste fluviali dove si possono svolgere attività di tipo agricolo, commerciale industriale sportivo, o di pubblico interesse.
«Il provvedimento», spiega l'assessore ai lavori pubblici Di Paolo «si pone l'obiettivo di dar seguito alle direttive comunitarie finalizzate ad allineare la pratica comportamentale di rilascio o rinnovo delle concessioni demaniali all'ormai consolidato orientamento giurisprudenziale (TAR, Corte dei Conti e Consiglio di Stato)».
Infatti il trattato della UE prevede che i principi di non discriminazione, di parità di trattamento, di trasparenza, di libera circolazione dei servizi e di proporzionalità, trovino applicazione oltre che nella materia degli appalti e concessioni di lavori e servizi, anche per le concessioni relative ai beni pubblici (siano essi del demanio o del patrimonio indisponibile dello Stato, delle Regioni o degli Enti Locali), essendo sufficiente che si tratti di attività suscettibili di apprezzamento in termini economici. Nel ribadire l'importanza del provvedimento, Di Paolo dice che con l'applicazione di questi principi comunitari verrà meno il cosiddetto 'diritto di insistenza' «principio che, secondo il Codice della Navigazione, riconosce, in sede di rinnovo, una preferenza al precedente concessionario».
«Da oggi, invece, conclude Di Paolo, i privilegi spariranno e si deciderà in base ad una selezione ad evidenza pubblica oppure in base ad una procedura comparativa». Nello stesso provvedimento viene specificato che tutte le consessioni in essere sono prorogate di 12 mesi per consentire al conduttore l'ammortamento degli investimenti effettuati.

06/05/2010 8.34