La giunta regionale decide la ristrutturazione dell’Arta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2962

ABRUZZO. Un modello organizzativo «più snello con riduzione di figure dirigenziali di vertice, attribuzioni di competenze diverse e importanti risparmi per l'Ente».


La Giunta Regionale, su proposta dell'assessore all'Ambiente Daniela Stati, ha approvato così la proposta di legge regionale di modifica della L.R. 64/1998, di "Istituzione dell'Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente - A.R.T.A.".
Una delle aree previste presso la Sede centrale viene soppressa, passando da quattro a tre, con riduzione di una figura dirigenziale di vertice, ma le attività da essa svolte saranno ripartite fra le restanti aree senza ridurre in alcun modo la quantità e la qualità dei servizi prestati. In sostanza le varie sezioni restano ma viene meno la direzione di area con relativa indennità.
L'organizzazione interna, sezioni, uffici e competenze, saranno dettagliate con apposito regolamento da adottare entro 180 giorni dall'approvazione della legge di riforma.
Anche le figure del Direttore Tecnico e Amministrativo sono state riviste rispetto alla legge vigente: con la nuova proposta hanno diretta attribuzione di competenze con conseguenti responsabilità, superando così la precedente disciplina che limitava il loro campo di azione al solo supporto al Direttore Generale ed alla espressione di pareri. Per le strutture periferiche si abbandona il modello dipartimentale e si arriva a strutture denominate "distretto", con al vertice un solo dirigente di struttura complessa.
«Il riordino degli Enti regionali - ha commentato l'assessore Daniela Stati - il raggiungimento degli obiettivi di contenimento e razionalizzazione della spesa pubblica, secondo criteri di economicità, efficacia ed efficienza, previsti poi dalla L.R. n. 4 del 19/03/2009, sono alcuni degli obiettivi che ci siamo prefissati all'inizio della Legislatura. Le modifiche introdotte con questo provvedimento vanno in quella direzione. In concreto si è ritenuto utile operare in maniera incisiva sulla razionalizzazione di quelle funzioni assolte dall'Agenzia che si sono rivelate sovrastimate alle concrete esigenze e che, comunque, hanno determinato un notevole aggravio di spesa, per giungere ad un modello organizzativo più "snello", più confacente alle reali necessità e con importanti risparmi per l'ente».
«Altro aspetto importante di questa disegno di legge - ha aggiunto l'assessore - è il ruolo che giustamente è stato assegnato al Consiglio Regionale e nello specifico alla Commissione consiliare competente. Mentre nella legge in vigore si fa solo un vago riferimento alla vigilanza del Consiglio Regionale sull'Agenzia, nel nuovo testo viene bene definito il primario ruolo della Commissione Consiliare competente che esercita la funzione di controllo sull'Agenzia per valutare gli effetti delle politiche e per verificare il raggiungimento dei risultati con scadenze temporali ben stabilite. Il Consiglio regionale diventa così protagonista delle vicende dell'Agenzia. Credo sia un passaggio rilevante».

19/04/2010 15.48