Mauro Angelucci nuovo presidente di Confindustria Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5002

ABRUZZO. L’elezione, unanime, è avvenuta nel corso della Riunione della Giunta di Confindustria Abruzzo, tenutasi ieri a L'Aquila.



Mauro Angelucci, 46 anni, nato a Torre de' Passeri e residente a Pescara, sposato con 4 figli, è socio dell'Oma Group, di cui è anche dirigente per Marketing, Business & Development Manager.
Con i suoi  4 stabilimenti dislocati a Tocco da Casauria (Pe), Castiglione a Casauria (Pe), Marghera (VE), Giurgiu (Romania), conta complessivamente un organico di 700 dipendenti con un volume d'affari complessivo del 2008 circa 82 milioni di euro.
Mauro Angelucci ricopre anche altri importanti incarichi societari quali: è componente dei cda Banca Caripe e Marina di Pescara ed è presidente del cda della Camera di Commercio di Pescara.
Con la sua nomina a presidente regionale di Confindustria, Mauro Angelucci entra di diritto a far parte della giunta di Confindustria nazionale, massimo organismo direttivo dell'organizzazione. 
All'atto della sua nomina Angelucci ha tracciato alcune linee che caratterizzeranno il suo mandato, evidenziando l'impegno a rendere «Confindustria sempre più incisiva e propositiva sui temi della politica economica e occupazionale della regione, in linea con le indicazioni date a livello nazionale dal Presidente di Confindustria Marcegaglia».
«La situazione determinata dalla crisi economica globale, e dal altri fattori ambientali e propri della regione Abruzzo, quali il sisma del 2009 e il deficit di bilancio connesso alla Sanità, impongono rapidità di interventi e grande responsabilità nell'immediata definizione degli interventi e urgenza di attuazione». 
Tra le priorità «la grave contrazione economico/produttiva determinatasi a carico delle Imprese abruzzesi, con un forte richiamo alle Istituzioni affinché vengano messe in campo tutte le misure  possibili per superare il difficile periodo di crisi».
Mauro Angelucci succede a Riccardo Marrollo che termina il suo mandato per scadenza dei termini statutari.
30/03/10 11.12