Abruzzo libero da Ogm? Febbo: «Non ci sono dubbi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2929

ABRUZZO. «Sugli Ogm, gli organismi geneticamente modificati, la posizione del Governo regionale e' piu' che mai chiara».

L'assessore all'Agricoltura, Mauro Febbo, risponde cosi' alle preoccupazioni manifestate dal consigliere regionale, Maurizio Acerbo, e dal segretario regionale del Prc, Marco Fars, in merito ad una decisione che la Conferenza Stato-Regioni potrebbe prendere sull'argomento nella sua prossima seduta.
Febbo ha ricordato che esiste già una legge regionale (la numero 6 del 2001) che sancisce il divieto di coltivare piante e di allevare animali geneticamente modificati nel territorio della regione Abruzzo.
«Altre chiavi di lettura sarebbero solo frutto di illazioni senza alcun fondamento». Ieri mattina in sede di comitato tecnico permanente di coordinamento in materia di agricoltura proprio l'assessore ha espresso, a nome della Regione Abruzzo, il fermo no ad ogni ipotesi di liberalizzazione degli Ogm «visto che, a parte il nostro deciso orientamento, quella legge rappresenta l'unico indirizzo cui attenersi».
L'assessore Febbo ha, inoltre, ricordato che la Regione Abruzzo e' entrata a far parte della Rete delle Regioni Europa libere da OGM (al momento sono 47 in tutto) e che, a partire dal 2005, ha avviato una serie di iniziative con le istituzioni europee per approfondire la riflessione su ciò che comporta la coltivazione di OGM per determinate realtà locali.
«Sono certo che l'assessore Febbo e il presidente Chiodi manterranno questa giusta posizione in sede di Conferenza Stato – Regione», ha detto il consigliere dei Verdi, Walter Caporale.
«Non si tratta», ha aggiunto il consigliere, «di essere contro la ricerca ma di promuovere e sostenere, in quella che solo pochi anni fa è stata definita, forse un po' pomposamente e affrettatamente, la “Regione verde d'Europa”, la ricerca e la sperimentazione nel settore agricolo con l'obiettivo fondamentale di mantenere e sviluppare la biodiversità e l'alto valore del paesaggio agrario regionale».

22/01/2010 9.46