Dalla Regione 6 mln per accordo con le università

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4103

ABRUZZO. Gatti: «unire università e imprese per sviluppo competitività»


Nella seduta di giovedi sera la Giunta regionale ha approvato la delibera proposta dall'assessore al Lavoro, Paolo Gatti, con la quale sono state ratificate le modifiche apportate al protocollo d'intesa tra la Regione e il Comitato di coordinamento regionale delle Università Abruzzesi(Crua) per la realizzazione del Progetto speciale multiasse "Reti per la conoscenza e l'orientamento tecnico-scientifico per lo sviluppo della competitività" (Re.Co.Te.S.S.C.), finanziato con fondi del p.o. del Fondo sociale europeo 2007-2013, piano operativo 2007-2008.
Il protocollo d'intesa prevede interventi, finanziati con oltre 6 milioni di euro, in particolare per realizzare le seguenti azioni: l'erogazione di assegni regionali per attività di ricerca e alta formazione in discipline tecnico-scientifiche; la realizzazione di tre Dottorati di Ricerca; la realizzazione di due Master universitari di II livello per formare la figura di Mediatore della conoscenza; l'erogazione di almeno 40 borse di studio della durata minima di nove mesi, volte a realizzare attività di trasferimento dei risultati della R&S alle piccole e medie imprese; il sostegno agli spin-off universitari; l'orientamento tecnico-scientifico, accordi e partenariati per la realizzazione di progetti di ricerca e scambi di docenti e ricercatori.
«Sono lieto del lavoro di collaborazione con le Università abruzzesi e del sostegno che possiamo manifestare loro in concreto - ha commentato l'assessore Gatti - siamo convinti che il supporto che le imprese locali possono trovare da parte delle strutture accademiche regionali sia una delle chiavi di volta per riprendere il cammino di crescita e competitività del sistema Abruzzo. Dobbiamo incentivare i giovani a proseguire gli studi di alta specializzazione e metterli nelle condizioni ottimali per scegliere se investire in proprio o entrare con un patrimonio di conoscenza decisivo nelle imprese locali».
27/11/09 12.20