Petrolio, «una moratoria di 30 anni sulle trivellazioni».

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3873

ABRUZZO. Mancano 45 giorni alla scadenza della moratoria sul Centro Oli di Ortona. Dalla Regione ancora nessun atto concreto.


Emergenza Ambiente Abruzzo, rete di sessanta associazioni civili, ambientali e culturali, rinnova la propria richiesta a Gianni Chiodi e all'assessore Daniela Stati di pronunciarsi in maniera chiara riguardo le iniziative che la Giunta regionale vorrà intraprendere.
I riflettori della stampa nazionale sono puntati sul progetto di petrolizzare metà della regione Abruzzo.
Nei giorni scorsi sia il Corriere della Sera che La Repubblica hanno dedicato ampio spazio al tema, trasformando quella che sembrava una questione ortonese-abruzzese in un caso nazionale.
Il Corriere titola: “Battaglia biparistan contro le trivelle” e spiega al resto d'Italia che la popolazione è stata straordinariamente compatta ed attiva nel denunciare, nell'esigere risposte, e nello spronare il Ministero dell'Ambiente a bocciare progetti petroliferi presenti e futuri.
Emergenza Ambiente Abruzzo ricorda di aver richiesto al presidente Chiodi un incontro da mesi «senza mai essere ricevuta».
«È scandaloso», dicono gli aderenti al movimento, «che un presidente eletto dai cittadini e pagato dai cittadini non trovi il tempo di confrontarsi con loro».
Daniela Stati riferisce al Corriere della Sera che si sta «mettendo in piedi una serie di iniziative per portare avanti quello che il presidente Chiodi ha promesso in campagna elettorale». Ed ha aggiunto: «ad oggi io le posso parlare di una volontà politica. E non mi sembra poco».
«È invece molto poco», sostiene Emergenza Ambiente Abruzzo, che ritiene che sia «antidemocratico non rendere partecipe la popolazione di queste iniziative e considera del tutto insufficiente una non meglio specificata volontà politica, peraltro disgiunta dai fatti».
Emergenza Ambiente Abruzzo rinnova la richiesta di incontro e chiede che venga immediatamente approvata una moratoria di trenta anni sulle operazioni di trivellamento e di estrazione di idrocarburi sul suolo regionale che, come ricorda l'assessore, dovrebbe essere la terra dei parchi.

16/11/2009 12.22