In Abruzzo cresce l'attenzione per le energie rinnovabili

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2336

ABRUZZO. Crescono in Abruzzo l'attenzione e la sensibilità verso le energie rinnovabili, sopratutto dal mondo produttivo ed in particolare da parte delle piccole imprese.


Sono questi i primi risultati dell'opera di sensibilizzazione svolta dalla Regione Abruzzo attraverso progetti destinati alle giovani generazioni.
Una Regione che allo stesso tempo, però, porta avanti progetti contestati come quello dei termovalorizzatori o la ricerca petrolifera.
I progetti promossi dalla Regione nel campo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico sono stati illustrati, la settimana scorsa, a Bruxelles, in occasione dell'Assemblea delle Regioni d'Europa dedicata alla diffusione della conoscenza delle fonti energetiche alternative.
Progetto di spicco, elaborato e promosso dalla Regione Abruzzo, coinvolgendo oltre dodicimila studenti, delle scuole di ogni ordine e grado, è stato Energiochi, iniziativa già collaudata, giunta alla sua quinta edizione.
Iris Flacco, direttrice del Dipartimento dell'energia della Regione, ha illustrato il progetto.
I primi risultati che si concretizzano in Abruzzo sono infatti dovuti anche all'accresciuta sensibilizzazione dei giovani riguardo all'impatto che le abitudini quotidiane hanno sull'ambiente, avviando una trasformazione graduale delle stesse abitudini, a cominciare dai consumi sostenibili.
Il lavoro didattico si è giovato anche di visite guidate degli studenti agli impianti di energie rinnovabili, dal fotovoltaico all'eolico, costruendo un itinerario sulle strutture esistenti in Abruzzo.
Sessanta sono state le scuole vincitrici alle quali è stato assegnato un premio in denaro, da investire per avviare ulteriori attività nel campo delle energie rinnovabili.

09/11/2009 17.19