Sanità, ecco i commissari Asl. Venturoni: «leggi rispettate»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10982

ABRUZZO. La Giunta regionale ha partorito i nomi dei nuovi commissari e sub commissari delle Asl mentre gli ex manager annunciano battaglia.
Dopo settimane di aspre lotte intestine le nomine sono finalmente arrivate e i nomi saltati fuori dal cilindro.
Per l'Asl Chieti-Lanciano-Vasto il commissario è Tommaso Staniscia; per L'Aquila-Sulmona-Avezzano è Giancarlo Silveri.
Sono stati scelti anche i quattro subcommissari che li affiancheranno. Per la Asl Sulmona-Avezzano ci sarà Olindo Giulio Del Gusto; per la Asl Lanciano-Vasto Giancarlo Barrella; per L'Aquila Stefania Discepoli e su Chieti Raffaele Di Nardo.
L'indicazione è arrivata ieri, a tarda serata, dopo una lunga seduta straordinaria della Giunta regionale.
Con queste nomine si dà avvio alle indicazioni del Piano sanitario regionale che prevede una gestione del settore affidata a 4 Asl provinciali, contro le precedenti 6.
I nuovi volti della Sanità Abruzzese entreranno in carica domani, 1° ottobre.
L'ex direttore generale dell'Asl Lanciano-Vasto Michele Caporossi ieri aveva però assicurato che non si sarebbe arreso tanto facilmente e aveva accusato di essere «stato buttato dalla finestra», insieme ai suoi colleghi con «un atto di violenza».
Caporossi ha annunciato anche il ricorso in tutte le sedi giudiziarie per chiedere i danni.
Ma la giunta di centrodestra che ha sfornato i nuovi commissari se ne sta tranquilla anche a fronte delle contestazioni e i pareri legali contro la decisione di istituire 4 Asl in Abruzzo
«Non ci fanno paura», hanno detto spesso i consiglieri di maggioranza. «Il nostro è un progetto rispettoso della legge regionale e con tutti i crismi della legalità».
Grazie ad una nuova norma passata nello scorso consiglio regionale i manager avranno le mani libere per la gestione degli appalti.
La nuova era è appena iniziata.

VENTURONI: «PIENO RISPETTO DELLE LEGGI»

«Un'operazione fatta nel pieno rispetto della legge regionale votata nella precedente legislatura», l'ha ribattezzata quest'oggi l'assessore alla Sanità, Lanfranco Venturoni.
« Io sono abituato a rispettare le leggi e la Giunta non ha fatto altro che dare seguito alla normativa».
I commissari e i sub commissari che dovranno gestire la fase di passaggio di riduzione di sei a quattro Asl regionali con la soppressione delle aziende sanitarie di Avezzano-Sulmona e Lanciano-Vasto.
«Su questo punto la legge parla molto chiaro - aggiunge Venturoni - con l'obbligo entro il 31 dicembre 2009 di ridurre le Asl da sei a quattro e accorpare le due Asl non provinciali. E' chiaro che un passaggio del genere - prosegue l'assessore - ha bisogno di alcuni mesi e non può essere consumato nel giro di qualche giorno. Da qui la decisione di nominare ora i commissari e dare loro tre mesi per le attività di legge».
I due commissari delle nuove Asl L'Aquila-Avezzano-Sulmona e Chieti-Lanciano-Vasto avranno il compito di avviare atti amministrativi per l'accorpamento con l'inventario dei beni, mentre i quattro sub commissari avranno compiti essenzialmente di liquidazione e scioglimento delle quattro aziende interessate all'accorpamento.
«Sono compiti questi che non possono fare i manager in carica - ha spiegato l'assessore alla Sanità - ma commissari con poteri straordinari. Rinviare l'operatività di questa legge poteva essere letto come la volontà di non volerla applicare e invece personalmente sono stato sempre favorevole alla riduzione delle Asl. È un'operazione che è già stata conclusa in tutte quelle regioni che hanno bilanci in rosso in materia sanitaria. E noi in queste condizioni non possiamo permetterci altri rinvii o dilazioni».

30/09/2009 10.31


[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=22591]MANI PIU' LIBERE PER I MANAGER[/url]