Abruzzo Engineering, nebbia fitta sul destino dei 200 lavoratori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2268

PESCARA. Cgil, Cisl e Uil lanciano l'allarme su Abruzzo Engineering, la società di cui fanno parte anche Regione Abruzzo e Provincia dell'Aquila.


Il 3 ottobre, scadranno le 13 settimane di cassa integrazione guadagni in deroga che ha interessato 170 dei 200 lavoratori (alcuni a 4 settimane altri a 8 o 12 settimane) e non si e' ancora saputo nulla della rimodulazione del piano industriale, nonostante siano stati presi degli impegni precisi in tal senso. Giovanni Di Cesare, segretario regionale della Cgil, accompagnato dai rappresentanti di Cisl e Uil e dai sindacati di categoria, ha spiegato che «dopo il terremoto si immaginava un rilancio dell'azienda, anche su impulso dalla Protezione civile, considerate le professionalità interne ad Abruzzo Engineering».
Così non e' stato, ha fatto notare il sindacalista, ma l'Abruzzo e L'Aquila non ripartiranno se non riparte il lavoro.
«Non possiamo accettare - ha detto sempre Di Cesare - che il sistema istituzionale non agisca nel merito, in questa vicenda. E non accettiamo di non conoscere il piano industriale rimodulato dell'azienda. Vogliamo sapere poi cosa stanno facendo per questa situazione tutti gli enti e le realtà interessate. Si tratta di una vertenza emblematica perchè ha un significato più vasto, che va oltre Abruzzo Engineering».
I rappresentanti dei lavoratori hanno messo in evidenza le attività importanti effettuate in questi anni da Abruzzo Engeneering in materia di protezione civile e ambiente, tra cui il censimento della vulnerabilità sismica dell'edilizia scolastica: «un lavoro che non va sminuito e alla luce del quale non si può pensare a tagli e riduzioni».
Anzi, per i sindacati ci sono le professionalità per dare risposte immediate alla situazione aquilana per cui «non si capisce perchè Protezione civile, Regione, Provincia e Comune non si rivolgono a Abruzzo Engineering».
Il pomeriggio del 21, in occasione dell'assemblea dei soci, a L'Aquila, i sindacati intendono dar vita a una manifestazione per rivendicare il rispetto degli accordi presi.

19/09/2009 10.33