Bilancio: Moody's conferma rating "A2" per Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1639

L’AQUILA. Arriva la conferma del rating "A2" per la Regione Abruzzo da parte dell'agenzia internazionale Moody's.


Dietro l'angolo prospettive negative determinate dalla conseguenze che il sisma del 6 aprile comporterà sul sistema economico e sul Sistema sanitario regionale.
A comunicarlo è l'assessore al Bilancio, Carlo Masci, che parla di «importante riconoscimento all'affidabilità e all'efficacia delle politiche finanziarie della Regione Abruzzo che abbiamo messo in campo».
«I sacrifici imposti dal rigore del bilancio regionale e i progressi fatti nell'ambito della Sanità regionale – ha aggiunto Masci – sono passaggi importanti che costituiscono obiettivi finanziari e gestionali della Giunta. Moody's ha positivamente valutato l'attività posta in essere dal management regionale, pur nel contesto particolarmente difficile che vive la comunità abruzzese tra crisi economica da una parte e conseguenze del terremoto dall'altra».
Nella sua valutazione, Moody's ha sottolineato la correttezza ed efficacia dell'attività amministrativa della Regione, e in particolare degli uffici del Bilancio, nel mantenere adeguati livelli di efficienza anche nei momenti di grave difficoltà, avendo comunque garantito il pagamento delle rate dei prestiti obbligazionari e degli swap in scadenza nelle settimane successive al sisma.
«Onoreremo tutte le obbligazioni finanziarie assunte dalle precedenti amministrazioni – ha aggiunto l'assessore Carlo Masci - perché intendiamo evitare rischi finanziari o danni d'immagine a carico della Regione sui mercati internazionali. E' nostro obiettivo, inoltre, ridurre l'indebitamento regionale per consentire che i bilanci futuri non siano più condizionati da pesanti rate mutuo come quelle che oggi siamo costretti a pagare. Minori importi per rate mutui e prestiti – conclude l'assessore - vuol dire avere più risorse correnti da poter destinare a quelle funzioni i cui stanziamenti di bilancio sono oggi esigui o inesistenti».

26/06/2009 15.53