Sviluppo Italia Abruzzo chiude i battenti. In 19 a casa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4905

L’AQUILA. Sviluppo Italia Abruzzo SpA chiuderà. Altra mazzata per una impresa sul territorio abruzzese.


E' questo il triste epilogo della vicenda che vede come protagonista la società del gruppo Invitalia, impegnata negli ultimi 10 anni nella gestione dei fondi nazionali per la creazione d'impresa.
La messa in liquidazione di Sviluppo Italia Abruzzo SpA verrà decretata il prossimo 22 giugno nel corso dell'assemblea sociale, dopo l'infruttuosa trattativa con la regione Abruzzo per il possibile acquisto della società, spiegano le Rsa Fisac Cgil, Fiba Cisl, Uilca Uil.
Infatti, la Legge Finanziaria del 2007, contemplava il processo di riordino del gruppo Invitalia con la possibilità di cedere alle Regioni il pacchetto azionario delle proprie controllate, ivi compreso l'ingente patrimonio immobiliare costituito dagli incubatori d'impresa (ben 3 in Abruzzo di cui N°2 nella provincia di AQ).
«Ormai, dopo quasi due anni dall'avvio del processo», annunciano i sindacati, «la società Sviluppo Italia Abruzzo SpA verrà liquidata con le conseguenti ricadute negative sui 19 dipendenti».
Nel contempo, l'amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, sulla scia dell'emergenza sisma, apre all'Aquila (presso gli uffici di Aquila Sviluppo, altra partecipata del gruppo attualmente in liquidazione, utilizzando il personale di Sviluppo Italia Abruzzo) uno sportello informativo per le imprese terremotate.
«Si presenta come colui che contribuirà al rilancio economico della Regione», dicono i sindacati, «e paradossalmente, per avvalorare questo suo ruolo fondamentale, ha intenzione di chiudere il suo braccio operativo sul territorio mandando a casa quelle risorse che oggi gli permettono di operare con efficienza in Abruzzo ovvero Sviluppo Italia Abruzzo».
I lavoratori consci della grave situazione chiedono un confronto immediato richiamando alle proprie responsabilità tutti gli attori istituzionali coinvolti primi fra tutti il ministro Scajola, l' A.D. di Invitalia Arcuri, ed il Governatore della Regione Abruzzo Chiodi.
18/06/2009 13.56