D’Alessandro e Ruffini: «formazione professionale in ginocchio»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1674

ABRUZZO. «La formazione professionale in Abruzzo è ferma e nessuno della maggioranza sembra in grado di dare delle risposte».


Secondo i consiglieri regionali Claudio Ruffini (Pd) e Cesare D'Alessandro (Idv) «la programmazione delle attività formative nella nostra Regione è in ritardo di oltre due annualità. L'anno scorso (giugno 2008) la Regione ha chiuso i POR 2006, e da allora un silenzio tombale è calato sulla programmazione delle attività formative».
Secondo i due consiglieri di minoranza teramani, entro il 30 settembre del 2008, la Regione avrebbe dovuto attivare i successivi POR (ovvero 2007 e 2008).
Invece dopo le note vicende giudiziarie che hanno coinvolto la Giunta Del Turco, «nessuno ha più attivato le procedure per far ripartire i Piani Operativi Regionali. La conseguenza è che tutte le Agenzie formative regionali abruzzesi sono ferme, senza corsi, senza nessuna possibilità di attingere ai fondi che l'Europa destina appunto alla formazione professionale».
«A pagare il prezzo più grosso di questa situazione sono soprattutto i giovani – affermano i due consiglieri -, chi esce dal mondo della scuola attualmente e non trova lavoro non ha la possibilità di riqualificare il proprio curriculum attraverso un corso di formazione professionale».
Una situazione, quella in cui grava la formazione abruzzese, che investe in primis i giovani ma anche le categorie più deboli come gli svantaggiati, i disabili e tutte le categorie protette in generale, insistono i due.
«Allo stato attuale chi ha bisogno di formazione deve necessariamente rivolgersi a centri che offrono corsi a pagamento».
Ruffini e D'Alessandro invitano l'assessore Gatti a spiegare ai giovani se i fondi delle annualità 2007 e 2008 sono ancora disponibili oppure se sono stati persi.
Inoltre, secondo i due consiglieri di minoranza «Gatti deve riferire quali attività, misure, iniziative, il suo assessorato ha messo in atto per sbloccare tale situazione di empasse considerando che tra pochi mesi – settembre 2009 – dovrebbe ripartire l'offerta dei corsi di formazione professionale».
18/06/2009 13.32