Saranno prorogati i contratti dei precari dell’Arta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1803

ABRUZZO. Verrà predisposto un provvedimento che prorogherà i 45 contratti precari in scadenza sino alla fine dell’anno e verrà attivato un tavolo che dovrà gettare le fondamenta per risolvere il problema, quello dei precari, al quale da troppi anni non si riesce a dare una soluzione.
E' quanto emerso questa mattina in un incontro presso la sede dell'Arta che ha visto presenti l'assessore regionale Daniela Stati, la dirigenza dell'Arta e le rappresentanze sindacali regionali e dell'azienda in merito alla situazione del personale precario dell'Agenzia.
I 45 contratti dei precari erano in scadenza il prossimo 30 giugno.
«La salvaguardia dei posti di lavoro è una priorità - ha detto l'assessore Stati - Una linea condivisa dallo stesso Presidente Chiodi. I precari dell'Arta svolgono un ruolo importante. Sono diversi anni che lavorano a stretto contatto con il personale di ruolo e hanno acquisito una propria professionalità che è essenziale per il presente e il futuro dell'azienda. Devo anche sottolineare la collaborazione delle rappresentanze sindacali impegnate nel dare risposte certe e soprattutto, condivise con i lavoratori. Spero che questa collaborazione ci aiuti a risolvere definitivamente l'annoso problema».
La Cisl ha espresso il suo apprezzamento per l'esito e le posizioni dell'assessore Stati.
«Il rinnovo dei contratti al personale precario», ha detto Adriano Marzola coordinatore Arta Cisl, «trova la copertura finanziaria nel bilancio dell'Agenzia e pertanto non costituisce un aggravio di spesa per la Regione ed evita altresì la dispersione di molte professionalità acquisite dal personale suddetto. In questa fase delicata del post-terremoto che vede la Regione e l'Agenzia, in particolare, impegnate per la tutela della salute dei cittadini abruzzesi e dell'ambiente, è più che mai necessario non disperdere le professionalità di questi lavoratori che per otto anni hanno assicurato il funzionamento dei servizi dell'Arta».
«La Cisl ritiene che», ha detto il segretario generale Vincenzo Traniello, «la proroga non può che essere il primo passo per una definitiva soluzione del problema precariato e, contestualmente, degli assetti organizzativi dell'Agenzia».

17/06/2009 15.21