Redigolo blocca fondi per disabili psichici, Acerbo: «Chiodi intervenga»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2757

ABRUZZO. Il commissario del governo Redigolo sospende i fondi stanziati all'inizio di aprile dalla giunta regionale per la salute mentale.
A dare la notizia è Maurizio Acerbo, consigliere regionale di Rifondazione Comunista.
«E' una vergogna», commenta l'ex deputato, «che mentre l'Abruzzo vive la tragedia del terremoto il commissario dopo l'iniquo aumento dei ticket sospenda di imperio un finanziamento sulla cui necessità si era espresso di recente il consiglio regionale all'unanimità approvando una mia risoluzione».
Per Acerbo «è particolarmente odioso il fatto che Redigolo, finora incapace di un solo atto che aggredisca alla radice i mali strutturali della sanità abruzzese, blocchi i fondi destinati ai disabili psichici».
Acerbo ricorda che tra i terremotati vi sono anche 30 utenti del progetto Armonia e 30 utenti assegnatari di borse lavoro, nonchè 11 operatori rimasti senza stipendio.
60 disabili aquilani (a cui si aggiungono altre decine in tutta la Regione) «vengono derubati del diritto ad essere assistiti mentre si susseguono le passerelle elettorali mascherate da solidarietà».
La Giunta regionale aveva assegnato 4 milioni di euro a sostegno di iniziative facenti parte del progetto "La salute mentale". Tre, in particolare, gli ambiti di destinazione delle risorse: per il progetto ex Armonia era prevista la somma complessiva di tre milioni di euro; a borse lavoro per l'utenza psichiatrica l'importo di 877 mila euro; al fabbisogno del Centro regionale per le psicosi infantili della Asl dell'Aquila una cifra di 156 mila euro.
L'importo totale copriva i programmi sul disagio relativamente all'annualità 2009 e per il Centro psicosi infantili anche per quella precedente. Il riparto per singola Asl era il seguente: Progetto ex Armonia: Avezzano/Sulmona 412.318,76 euro, Chieti 366.875,55 euro, L'Aquila 386.482,73 euro, Lanciano/Vasto 306.257,85 euro, Pescara 685.565,65 euro, Teramo 842.499,46 euro. Quanto alle borse lavoro: Avezzano/Sulmona 119.800,00 euro, Chieti 81.600,00 euro, L'Aquila 94.500,00 euro, Lanciano/Vasto 116.000,00 euro, Pescara 265.000,00 euro, Teramo 200.100,00 euro.
«Il taglio di questi fondi», continua Acerbo, «è antieconomico perchè senza la continuità di progetti riabilitativi i pazienti psichiatrici saranno riconsegnati al circolo vizioso dei continui ricoveri assai costosi per la Regione».
Il consigliere regionale invita adesso il presidente Chiodi ad «intervenire immediatamente» per lo sblocco dei fondi e i parlamentari abruzzesi a presentare interrogazioni.

27/04/2009 16.29