75 mln per i progetti di cooperazione per le Ong

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2265

ABRUZZO. Al via i primi bandi del programma di cooperazione transfrontaliera "Adriatico Ipa" (2007-2013) per un totale di circa 75 milioni di euro.


L'approvazione è arrivata dal Comitato di sorveglianza, che si è riunito ieri mentre la pubblicazione ci sarà nei prossimi giorni, dopo il via libera della Giunta regionale. Il programma comunitario vede la Regione Abruzzo come capofila: coinvolge sette regioni, oltre all'Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Molise, Puglia ed otto stati, oltre all'Italia, Albania, Bosnia Erzegovina, Croazia, Serbia, Montenegro e dai nuovi entrati Grecia e Slovenia.
L'iniziativa ha come obiettivo la cooperazione istituzionale, economica e sociale dell'Area adriatica ed è la continuazione del programma Interreg III A che si è concluso nel 2006. Adriatico Ipa prevede fino al 2013 finanziamenti per circa 280 milioni di euro.
I bandi si sviluperanno nell'ambito di quattro assi prioritari di intervento: cooperazione economica, sociale e istituzionale, ambiente, tutela ambientale e del patrimonio culturale e reti materiali di accesso e immateriali. I progetti in questione potranno essere presentati sia da enti pubblici che da soggetti privati (Organizzazioni non governative ONG o imprese operanti nei settori specifici del programma quindi, turismo,ambiente, trasporti, energia, etc.) ma anche da università e centri di ricerca pubblici e privati. Saranno finanziati progetti da un minimo di 500mila a un massimo di 5 milioni di euro con un contributo massimo per i privati di 200mila euro(cosiddetto de minimis). «Stiamo cercando di incentivare al massimo l'utilizzo dei fondi comunitari in chiave anti-crisi - ha commentato il Presidente Gianni Chiodi, per creare nuovi investimenti nel territorio, un'apertura alle imprese verso i mercati dell'area Adriatica e per favorire una crescita responsabile del sistema economico».

03/04/2009 10.42