Legambiente, arriva (in ritardo) a Pescara il Treno Verde

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1301

PESCARA. Doveva arrivare oggi fino all’11 marzo, il treno Verde che sosterà al binario 1 della stazione di Pescara. Tanti gli appuntamenti per adulti e bambini alla scoperta della mobilità sostenibile e del risparmio energetico.


PESCARA. Doveva arrivare oggi fino all'11 marzo, il treno Verde che sosterà al binario 1 della stazione di Pescara. Tanti gli appuntamenti per adulti e bambini alla scoperta della mobilità sostenibile e del risparmio energetico.


Lo storico treno di Legambiente e Ferrovie dello Stato, realizzata con il contributo di Italgest Energia Pulita, Consorzio Ecogas e Assogasliquidi, farà tappa a Pescara con una mostra interattiva sulle tematiche del cambiamento climatico e dell'energia. Sarà aperta al pubblico dalle 16 alle 19, mentre le mattinate sono riservate alle scuole.
L'ingresso è gratuito.
Ma a causa dell'allagamento della linea ferroviaria FS Foggia–Termoli, provocata dall'apertura della paratia della diga Occhito, il Treno Verde proveniente da Bari è costretto a posticipare l'arrivo nella stazione centrale di Pescara al tardo pomeriggio di oggi 9 marzo 2009.
L'equipaggio del Treno Verde, informato del rinvio della partenza solo nella nottata di ieri, si scusa per l'inconveniente e rinnova l'appuntamento alla stampa per le iniziative di domani.
I bambini avranno la possibilità di toccare con mano la convenienza del trasporto pubblico attraverso modellini interattivi allo scopo di catturare la loro attenzione per un tema importante: la mobilità sostenibile.
La prima carrozza sarà dedicata alla mobilità e a come può diventare sostenibile. Attraverso un percorso articolato che va dal “pensare globale” all'“agire locale”, la seconda carrozza spiegherà il meccanismo dell'effetto serra e i vantaggi delle energie rinnovabili, temi che conducono alla terza carrozza a bordo della quale si potranno scoprire le opportunità e le novità per risparmiare energia e contribuire alla salvaguardia dell'ambiente.
Oltre al lavoro di sensibilizzazione, il treno verde ha lo scopo di monitorare l'inquinamento da traffico.
Smog e decibel sono i principali indiziati. Il Treno Verde porrà sotto osservazione la città di Pescara, avvalendosi del Laboratorio Mobile dell'Istituto Sperimentale di RFI (Rete Ferroviaria Italiana), che analizzerà i livelli di rumore e smog sostando per 72 ore consecutive proprio in corso Vittorio Emanuele II.
Il programma della tappa abruzzese prevede numerosi appuntamenti. Martedì 10 marzo alle 11 si svolgerà il “Trofeo Tartaruga”: in questa competizione si gareggia solo con bicicletta, bici elettrica, segway, autobus, automobile a gpl, automobile a benzina e scooter, dedicato al tema della mobilità urbana. Nel pomeriggio di mercoledì 11 marzo sarà organizzato a bordo del treno un laboratorio didattico per i bambini delle scuole elementari. Giovedì 12 marzo, alle 11, saranno presentati i risultati del monitoraggio sull'inquinamento atmosferico e acustico di Pescara.

m.r. 09/03/2009 9.59