Prove tecniche di dialogo per migliorare collegamenti tra Abruzzo e Roma

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1229

L’AQUILA. Aprire un dialogo con la capitale per lo snodo romano su rotaia e su gomma per facilitare i collegamenti, il rinnovo del contratto di servizio e l'utilizzo dei fondi previsti dal decreto anticrisi del Governo.
Sono solo alcuni degli argomenti affrontati questa mattina, all'Aquila, dall'assessore ai Trasporti, Giandonato Morra, con i vertici di Trenitalia: Giancarlo Laguzzi, responsabile della Divisione passeggeri di Trenitalia, Alberto Scattone, responsabile Relazioni esterne, Cesare Spedicato, direttore del trasporto regionale di Trenitalia Abruzzo.
«Va migliorato il rapporto con Roma - ha detto l'assessore Morra - ed è per questo che ho in programma di incontrare il sindaco Gianni Alemanno per un confronto diretto, per decidere possibili soluzioni in un arteria Tivoli-Roma che presenta molte criticità. La puntualità dei treni e le coincidenze sulla linea Pescara-Roma sono aspetti che vanno affrontati con la massima urgenza, unitamente alla problematica su trasporto su gomma e all'eventuale previsione di una migliore logistica in zona Lunghezza».
Per la tratta Avezzano-Roma sono già in programma interventi per l'automazione della linea. Morra e i responsabili di Trenitalia hanno concordato di fissare a breve anche un incontro operativo nella sede dell'Officina manutenzione di Sulmona anche quale messaggio di presenza per il territorio Centro-Abruzzo. Sono smentite le voci di ridimensionamento della struttura di Sulmona.
Anzi, i vertici aziendali hanno parlato della necessità di avere in servizio nuove figure di manutentori dopo aver quasi completato una ristrutturazione logistica per circa un milione e 200mila euro. Infine, la questione legata ai fondi del decreto anticrisi del Governo per i quali si prevede una ripartizione tra le singole Regioni di un ammontare complessivo di circa 480 milioni di euro, entro la metà di aprile. Soldi che andrebbero a migliorare l'assetto attuale e consentirebbero una prima fase di rilancio del trasporto abruzzese.

02/03/2009 16.12