Politiche sociali, Gatti: «potenziare l'integrazione sociosanitaria»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1443

PESCARA. Ridefinizione degli Ambiti territoriali sociali, è questo lo scopo dell'incontro di ieri promosso dall'Assessore alle Politiche Sociali, Paolo Gatti, presso l'Aula Magna dell'ospedale civile di Pescara.

Un'intera giornata, per discutere sul programma di lavoro, ed è proprio da oggi che partono i 60 giorni utili alle parti sociali interessate per formulare pareri in merito.
Le eventuali osservazioni (l'assenza di riscontro sarà considerata come parere favorevole) andranno trasmesse al Servizio Programmazione Politiche Sociali ( Via Rieti 45, Pescara).
Esperita la fase della consultazione, la proposta di modifica sarà sottoposta all'attenzione della Conferenza Permanente Regioni Enti Locali, e successivamente all'esame della Giunta regionale e del Consiglio regionale, e la nuova articolazione verrà pubblicata sul B.U.R.A.
L'incontro ha visto l'apertura dei lavori alle ore 10 per un confronto con le parti sociali interessate della provincia di Pescara, e a seguire quelle di Chieti, Teramo e l'Aquila.
Alle ore 15 i lavori riprenderanno con un dibattito che coinvolgerà anche il mondo sindacale.
Una prima fase d'ascolto, dunque, quella di oggi, per cominciare ad acquisire informazioni utili allo scopo ed impostare uno strumento di programmazione regionale con azioni mirate per gli interventi sociosanitari.
«Abbiamo avviato una proficua fase di ascolto con i soggetti del territorio - ha, infatti, riferito l'assessore Gatti - per condividere la ridefinizione degli ambiti sociali territoriali come previsto dalla Legge regionale. Dalle riflessioni ascoltate è emersa con forza la condivisibile idea che sempre più le politiche sociali si devono integrare con quelle sanitarie. Nei limiti della normativa vigente - ha concluso Gatti - è mia intenzione proseguire il percorso di ascolto e di condivisione con le realtà territoriali per giungere ad una positiva sintesi».
Presenti al Tavolo, anche l'assessore alla Sanità, Lanfranco Venturoni, e Nicoletta Verì, presidente della V Commissione Sanità e Politiche Sociali.

IMMIGRATI: GIUNTA STANZIA 172 MILA EURO PER CORSI FORMAZIONE

Su proposta dell'assessore alla Formazione ed istruzione, Paolo Gatti, la Giunta regionale ha approvato un provvedimento che prevede uno stanziamento di 172 mila euro.
I soldi, di provenienza nazionale, saranno utilizzati per la diffusione della lingua italiana tra gli immigrati extracomunitari regolari.
«La somma - come ha spiegato lo stesso Gatti - era immobilizzata dal 2007 e rischiavamo di perderla perchè inutilizzata».
Nel contempo, è stato anche approvato lo schema di una convenzione con l'Ufficio scolastico regionale al quale sarà affidata l'organizzazione dei corsi, attraverso i propri 13 Centri permanenti territoriali presenti nelle quattro province abruzzesi.
«In sostanza - ha annunciato ancora l'assessore Gatti - verranno attivati corsi di primo livello di lingua italiana, cultura ed educazione civica».
Il programma d'insegnamento si realizzerà tra marzo ed agosto.
27/02/2009 8.58